• Mar
    01
    2010

Album

La Tempesta Dischi

Add to Flipboard Magazine.

Scorrono uno dopo l’altro i brani di Primitivi del futuro. Con La ballata delle ossa che scalda i pneumatici mescolando Jamaica e vecchi TARM, in vista di una quarantina di minuti di tornanti tra reggae e dub come non ci si aspettava proprio. Tanto che inizialmente si cerca qualche rassicurazione nei brani a venire, almeno per giustificare la ragione sociale che campeggia in copertina.

E invece, niente. Inflessibile, disciplinata, stravolta nell’estetica e ben diretta dallo specialista Paolo Baldini (B.R. Stylers, Africa Unite, Dub Sync), la band di Pordenone mastica ritmi in levare e sputa tribalismi. Un’immersione consapevole in un primitivismo musicale che vorrebbe fare il paio con i testi "a tema" di Toffolo, questi ultimi in bilico tra critica sociale (Prendi a calci il tuo padrone / non lo fai / parla dei tuoi desideri / non lo fai / metti a fuoco la nazione / non lo fai / smettila di comperare / non lo fai / stacca la televisione / non lo fai) e riferimenti alla natura (guardate che sbagliate / se il grillo torna al campo anche voi ci guadagnate / hanno ammazzato i grilli /sterminato le formiche / esiliato talpe e topi ed impiccato me), riflessione (Il mondo è mio mi sembra / sarà che ho ventotto anni / e mi distraggo ancora molto / perché figli non ne ho / ne ho avuto un tempo uno / me l’hanno sequestrato / parlar da solo in tribunale / questo è il mio reato) e impegno (La memoria che non è / quello che ricordi della storia passata / è qualcosa di più profondo / che ha a che fare con la memoria del mondo).

Fine dell’amata adolescenza, fine degli Occhi bassi, fine dei fratellini che scoprono il rock’n’roll. Eppure, nonostante una freddezza generalizzata sconosciuta ai ritmi giamaicani ma giustificabile chiamando in causa il DNA originale della band, c’è personalità. Anzi lo stile TARM emerge ancora più forte, a tener le redini di una virata stilistica riuscita proprio perché consapevole di rappresentare idealmente – e paradossalmente – un continuum con la produzione precedente.

22 Marzo 2010
Leggi tutto
Precedente
Baby Dee – A Book Of Songs Baby Dee – A Book Of Songs
Successivo
Meshel Ndegeocello – Devil’s Halo Meshel Ndegeocello – Devil’s Halo

album

artista

Altre notizie suggerite