• Nov
    09
    2014

Album
Ξ

Beläten

Add to Flipboard Magazine.

Ottimo esordio per Veil Of Light, progetto svizzero che si muove tra dark wave, post-punk e gothgaze. Il 7 novembre 2014 è uscito il primo disco, in edizione limitata a 350 copie su vinile bianco, per la label svedese Beläten. Il lavoro si intitola solamente Ξ.

Creato verso la fine del 2012 all’interno di un bunker di Zurigo dal misterioso musicista conosciuto come “M”, Veil of Light ha all’attivo, oltre a Ξ, soltanto un EP omonimo su cassetta, uscito sempre per Beläten, e un 7″ intitolato Cold Skin per Edition Gris. Nonostante ciò, M ha attirato da subito l’attenzione della critica più attenta e degli appassionati del genere.

La sua proposta musicale mostra un connubio di sonorità che vanno dai The Cure di Pornography sino ai primi Death In June, passando per The Jesus and Mary Chain. Il disco d’esordio presenta brani dark/gothgaze che suonano ispirati ed efficaci tra riverberi e distorsioni post industriali (a tal proposito, segnaliamo l’ottima No Flesh Around The Heart). Si tratta anche del primo vinile realizzato dalla label underground svedese che, fino ad ora, aveva realizzato solo uscite su cassette.

Con Ξ si può affermare che Veil of Light entra a testa alta nella scena neo-postpunk/shoegaze, prendendo il suo meritato posto tra The Soft Moon e Tropic of Cancer anche grazie a brani come In Ruins e Martyr. Su quest’ultima aleggia lo spettro dei Joy DivisionXI con la sua ritmica ossessiva prepara degnamente l’ingresso di Pale Eyes, brano con suggestioni apocalittiche per cui è stato realizzato anche un buon video in bianco e nero, come vuole un certo stile grafico della Beläten. Il 17 ottobre è uscito anche un EP digitale gratuito con Pale Eyes e cinque remix a cura di Distel, Ghost Actor, ARM, S S S S e Th. Tot (quest’ultimo è un moniker di Thomas Martin Ekelund, meglio conosciuto come Trepaneringsritualen). Un buon antipasto per un album che, prevediamo, andrà prestissimo sold out.

Ξ convince anche grazie ad una buona produzione ed alla voce di M, la cui profonda oscurità riesce ad attraversare anche un sottilissimo velo di luce.

 

 

25 Novembre 2014
Leggi tutto
Precedente
Minimal Whale – Minimal Whale EP Minimal Whale – Minimal Whale EP
Successivo
Mogwai – Music Industry 3. Fitness Industry 1 Mogwai – Music Industry 3. Fitness Industry 1

album

artista

artista

artista

artista

artista

artista

recensione

artista

Altre notizie suggerite