• Feb
    01
    2011

Album

Stop Records

Add to Flipboard Magazine.

Uno è la batteria dei Damien*, l'altro è voce e chitarra nei Container 47. Incontrandosi hanno avvertito la possibilità/necessità di allestire un duo power-rock. Distorto, veemente, tosto, devoluto, arguto, trafelato, essenziale, massimalista. Tra wave punk, garage avariato e fregole noise, sbrigandosela in inglese tranne in un caso (la stolida Credere), omaggiando l'immarcescibile verbo Devo con una adrenalinizzata Mongoloid, bazzicando certo revanscismo funk-punk (Hate) e carbonizzando i White Stripes in un calderone hard-psych (The Summer) senza smettere di far pulsare la vena pazzarella che diresti un po' P.I.L. (Very Nice) e un po' Ramones (Shoot The Band).

Ci sono i pezzi, c'è l'avventatezza, c'è un suono che si sgrana come certe ferite dure a rimarginarsi. Non manca nulla, o manca poco. Dipende dagli obiettivi.

6 Marzo 2011
Leggi tutto
Precedente
Fabrizio De André – Storia di un impiegato Fabrizio De André – Storia di un impiegato
Successivo
Cesare Basile – Sette pietre per tenere il diavolo a bada Cesare Basile – Sette pietre per tenere il diavolo a bada

album

artista

Altre notizie suggerite