Live Report
Dal 12 Agosto al 14 Agosto 2010

Add to Flipboard Magazine.

Quest’anno, oltre al Primavera Sound, consueto appuntamento al quale non manchiamo da più di cinque anni, abbiamo deciso di monitorare un festival europeo che per proposta e organizzazione ci ha ricordato proprio le prime edizioni dell’evento barcellonese. Simile per cartellone all’evento catalano, il Way Out West ci ha impressionato per la frizzante e variegata scaletta di chitarre e elettroniche ma soprattutto per quel clima comunitario, da parco giochi dell’indie che per forza di cose il PS, con i suoi 110 000 biglietti strappati, e tanti altri festival internazionali non possono più offrire.

Le 25 mila persone totalizzate dal giovane festival di Goteborg sono un giusto compromesso, anche considerata la dislocazione tra club del centro e un parco (a 10 minuti di bicicletta) non grandissimo ma abbastanza capiente da ospitare un palco di medie dimensioni (settemila persone circa), un altro stage da un migliaio abbondante e un tendone altrettanto capiente. Il Way Out West in pratica, assomiglia al Pitchfork statunitense, anch’esso situato principalmente in un parco, come simile è pure, a detta di molti, la rilassatezza generale e il confort della location.

La differenza rispetto alla Spagna e agli States, sta chiaramente nelle condizioni meterologiche scandinave, clementi a dir il vero quest’anno, ma di certo non idilliache, pur con la premurosa organizzazione a correre in aiuto con un numero infinito di mantelle. Orari precisi, schermi giganti e stand divertenti (cibo+album+gadget ecc.) aggiungono inoltre elementi preziosi a un’organizzazione buona ma che ha sofferto di lacune non di poco conto nel dialogo tra i club (lo Stay Out West) e il parco (il festival vero e proprio). Informazioni insufficienti sulle prenotazioni, file interminabili con micidiali sold out hanno reso difficili le frequentazioni dei locali e rovinato praticamente la giornata iniziale del festival. I numerosissimi accorsi per il concerto di Caribou, tra cui anche  noi, sono stati quindi costretti a vederselo amaramente su Youtube appurando pure che il quartetto di Dan Snaith dal vivo funziona (rimedieremo quest’inverno al Locomotiv di Bologna…).

Ancora stranezze hanno riguardato: alcol, orari e età media. Sul consumo del primo la Svezia non ha certo problemi grossi come la Finlandia, eppure se al sabato è vietato vendere alcolici negli esercizi commerciali oltre le tre di pomeriggio, al festival lo si vende soltanto in un paio di stand recintati (spazi dai quali non è consentito uscire naturalmente). A ¾ dei concerti inoltre si è costretti a stare in piedi nella luce non intensissima della Svezia, aspetto che mette un poco in difficoltà numerosi act indie. Il pubblico infine, gentilissimo per carità, è di norma fermo (salvo venir istruito dai performer – Wu Tang Clan assolutamente funzionali in questo) e composto da una media di giovanissimi tra cui una buona fetta di quattordicenni.

Detto questo veniamo ai fatti che sono valsi l’edizione e i nostri soldi: M.I.A., proprio lei, quella tutta contesto e distintivo, chiacchiere e twitter; è lei a sbancare il festival e non senza sorprese. L’imprevedibile tour della cantante è un misto di djing sul continuum elettronico britannico (dustep, grime, bass ecc.), teatro danza, video animazione (su tre schermi) e laseroni da rave in cui ogni brano è parte di uno streaming boombastico ad alto contenuto di bit analogici e digitali su trame multiple. Le tracce trasfigurano in una glam-guerrilla imprevedibile ed eccitantissima con M.I.A personaggio nel personaggio calata nei suoi look contraddittori ai massimi livelli a girarsi a piacimento il pubblico come una perfetta alternativa dentro l’industria dello spettacolo. Quando la britannica d’adozione attacca Boyz, Paper Planes e Born Free il mix di clip (sapevate che era tutta roba sua?), coreografie, balletti e soundsystem è perfettamente allineato e c’è da dar ragione al Times: lei, come il suo show, sono tra i più influenti in circolazione.

Altra gente che con la sinestesia audio/video incanta e ammalia sono i Chemical Brothers, pure loro armati di clip fantastici (le famose sagome su canvas psych e d’animazione) a fare da sfondo al miracoloso Further (Horse Power esecuzione da paura) senza dimenticare il classico corollario di hit indietro fino alla mitologica Block Rocking Beats tra blacksplotation, noir, breakbeat e rave. Scendendo in ordine di gradimento la lista del festival abbiamo poi un inossidabile Iggy Pop intento a omaggiare il mito di se stesso nel solito show memorabile, ironico e punk’n’roll con, questa volta, cameo di bambini (i quattordicenni statistici di prima), chiamati sul palco a ballare con lui. A tallonare troviamo la performance di Matt Berninger dei National. Il loro show è intensissimo anche soltanto per la presenza suicida del cantante che tra crooning springsteeniano ubriaco e inediti scatti di isteria pare si stia immolando per il proprio pubblico di fan peraltro numerosissimi.

In sostanza il podio è questo: altrove abbiamo performance che si distinguono per esecuzione, personalità e naturalmente mestiere: buono, ad esempio, quello del mod Paul Weller e della sua (un po’ troppo pub-adult) band e altrettanto valido (non memorabile) quello dei rodati Pavement che snocciolano in ordine sparso i classici di repertorio definendosi ironicamente “un’altra grande band dei nineties”. Convincenti i lanciatissimi Mumford And Sons che tengono benissimo il palco più grande anche grazie a una coralità irish’n’western. E molto ispirati gli indie act svedesi che abbiamo seguito fin dall’inizio qui in Italia: Jens Lekman (che prova le canzoni per un album che si preannuncia nel suo stile) e The Radio Dept., quest’ultimi ritornati nel set a un suono shoegaze che fu caratteristico del grandissimo esordio Lesser Matters.

Alterne fortune per molti altri, fiaccati da lunghe tournée e altrettanti viaggi: pessimi in questo senso The Drums che hanno delle occhiaie che toccano terra e non riescono neppure a fare le classiche mossette sul palco; discreti e qualcosa in più i Girls penalizzati dalla luce del giorno e dall’acustica pessima della location Linée. Nella norma i Beach House, soddisfatti per tante ragioni e quindi calligrafici rispetto agli album. Altro discorso invece, per le incartapecorite esibizioni mainstream svedesi: Håkan Hellström è praticamente il Claudio Baglioni del luogo e Lykke Li è l’altra folk singer esotica – agli occhi degli astanti – della situazione. I due, entrambi mori e abbronzati, sono tanto pomposi quanto noiosi nel loro sontuoso spettacolo di luci, magia artica e wave da rotocalco.

Doverose citazioni finali per una La Roux che dal vivo è più nerboruta e di carattere di quel che ci si poteva attendere (pubblico letteralmente in visibilio), discreto lo Jónsi in quintetto tra cantautorato e conversione rockish delle sonorità Sigur Ros, al solito suggestivi gli The XX, un poco di perplessità per i Konono N°1 (praticamente identici dal vivo come su disco) e menzione speciale per Marina And The Diamonds, il suo pop era valido ma la personalità e il talento esibiti dal vivo dalla mezzosangue greca sono andati oltre ogni previsione.

6 Settembre 2010
Leggi tutto
Precedente
Big Boi – Sir Lucious Left Foot: The Son of Chico Dusty Big Boi – Sir Lucious Left Foot: The Son of Chico Dusty
Successivo
Mark Olson – Many Colored Kite Mark Olson – Many Colored Kite

Altre notizie suggerite