Flow #118 – Dal mondo antico

Il video in apertura della playlist settimanale ci offre un potente reset, un nuovo punto di partenza, in questo caso un risveglio che affaccia sulla produzione dei clip. Compliance è il brano scelto dai Preoccupations per il relativo videoclip, pubblicato a distanza di dieci mesi dall’uscita dell’album New Material. Si tratta di un pezzo strumentale del gruppo canadese nato nel 2012 col nome Viet Cong, che espande il proprio significato nel video di Nicholas Brown ed Evan Henderson, nonché attraverso le dichiarazioni della stessa band a proposito della creatura protagonista assoluta delle immagini: «Mariah si è risvegliata dopo eoni di letargo in un mondo pesantemente mutato a causa della negligenza dell’uomo, mentre essa lotta per dare un senso a questo nuovo mondo si addolora per tutto ciò che è andato perduto. La creatura di Mariah è stata accuratamente progettata e costruita da Brown, interpretata da Henderson e magistralmente catturata dall’inquietante fotografia in bianco e nero di Adam Stewart». Tommaso Iannini ha scritto per noi la recensione di New Material.

In settimana Dua Lipa ha pubblicato il nuovo singolo Swan Song. La canzone precede l’uscita del film Alita – Angelo della battaglia, in arrivo nelle sale il 14 febbraio 2019.

Con un trionfo di immagini caleidoscopiche in salsa cyber-pastello torna sulle scene Mattia Barro aka Splendore, facendo la sua prima apparizione in casa Ivreatronic con l’inedito Rosa Splendore. Il brano si adagia sul filone dei diritti LGBTQ+ ed è decorato dagli inconfondibili beat dai rimandi tropicali del producer salentino Populous. Il video che accompagna il brano è diretto da Giovanni Calaudi e mostra – con un un montaggio a ritroso – una coreografia destrutturata in un decadente contesto barocco intersecato da incursioni di glitch digitali.

Noid è il titolo del video di Yves Tumor, che usa questa parola come abbreviazione di “paranoid”. In effetti essa traccia il senso che unisce il testo del brano e il clip, cioè la sensazione di oppressione data dal controllo della polizia americana. Le immagini firmate Andreas Brauning vedono lo stesso producer di origine americana (ora di base a Torino) in giro per la città, come accerchiato dalle divise che in alcune scene lo malmenano. Il brano è tratto da Safe in the Hands of Love, album uscito il 5 settembre 2018 via Warp Records e recensito per noi da Luca Roncoroni.

Boom Bye Bye è il videoclip del nuovo singolo di Diplo, scritto in collaborazione con il rapper francese Niska. «Niska è venuto da me una notte a Parigi e abbiamo suonato questa idea su un piano loop che avevo creato», si legge nella didascalia che accompagna il clip pubblicato sul canale ufficiale YouTube del producer statunitense. «Lo conoscevo solo perché in quel periodo ogni sua canzone era presente nelle classifiche francesi…un anno dopo, avevamo finito il pezzo». Il brano è la prima anticipazione dal nuovo EP dell’artista americano, che si intitola Europa e verrà pubblicato molto probabilmente a febbraio 2019 da Mad Decent/Because Music. Il lavoro prosegue le uscite sulla breve distanza del produttore: nel 2018 ha infatti pubblicato un EP intitolato California.

Magico è il primo singolo di Izi edito da Universal e conta la produzione di High Klassified, producer canadese già all’opera con artisti di calibro mondiale come Future e The Weeknd. Il rapper originario di Genova è protagonista anche del video diretto da Federico Merlo, nei panni di uno sciamano. Esoterismo e magia sono gli ingredienti principali del clip, in cui ritornano simbologie ed elementi naturali tipicamente legati al lato oscuro e arcano del creato.

Dietro il distopico nome di Better Oblivion Community Center troviamo le menti della cantautrice Phoebe Bridgers e la voce dei Bright Eyes, Conor Oberst, pronte a monopolizzare i nostri ascolti con un disco ben strutturato, in bilico tra sonorità rock-folk e atmosfere anni ‘90. A seguito della pubblicazione dell’omonimo disco il duo ha rilasciato un video che accompagna il primo singolo estratto Dylan ThomasMichelle Zauner – ovvero Japanese Breakfast – dirige un clip dalle tinte cyber-esoteriche, nel quale vediamo Bridgers e Oberst infiltrarsi in un’abitazione popolata da membri di una setta dedita a rituali sospesi tra magia e realtà virtuale, il tutto sotto l’occhio vigile di uno stravagante scienziato.

C’era un ragazzo che come me non assomigliava a nessuno è il videoclip relativo al quarto singolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti (dopo CaramellaBengala e Calamita) estratto da Sindacato dei sogni. Alla regia: misS xoX. Di seguito la nota stampa. «Costruito sul “perduto” video The Superbs, Super 8 del 1979 recuperato dalla regista Sibylle Righetti nell’archivio dell’artista e fotografo Piermario Ciani (già Trax e Luther Blisset), C’era un ragazzo che come me non assomigliava a nessuno è il nuovo video dei Tre allegri ragazzi morti. Liberato dal gruppo mascherato nel giorno dell’uscita del nuovo album Sindacato dei sogni, il video è l’esempio limpido della creatività che alla fine degli anni Settanta accese la città di Pordenone trasformandola in una delle capitali del punk italico. Protagonisti sono i The Superbs, gruppo di passaggio fra Andy Warhol Banana Technicolor e XX Century Zorro, giovani supereroi che trasformano l’anonima città sul Noncello in un reale luogo dell’immaginario musicale. E proprio a quella scintilla è dedicato il brano, ritratto preciso di un adolescente di quegli anni vissuti dal cantante dei Tre allegri, allora tredicenne, nel collettivo del The Great Complotto. Spinto dal sax impazzito di Francesco Bearzatti, il brano ricorda DEVO e Roxy Music, capisaldi del sound new wave di quegli anni. misS xoX, animatore della scena punk e protagonista del video, così ricorda: “Una bobina super8… senza successivo montaggio o tagli… gli attori non avevano bisogno di tante indicazioni… erano già perfetti… Plastic, Sid Delicious, Kal El Vix e Johnny. La ripresa è stata effettuata da Ezio Marchet… le indicazioni di montaggio e regia sono mie. Esiste una unica copia originale… in super8. Questo recupero è stato possibile grazie al fatto che Davide lo ha trovato nell’archivio di Piermario Ciani… a cui fortunatamente avevo prestato il super8 per farne copia… Thanx a questa combinazione di persone, immagini e suono è possibile un nuovo omaggio alla nostra generazione… un nuovo passaggio di consegne della fantasia”».

Gli Angel Du$t, la band di Baltimora che unisce membri dei Trapped Under Ice e dei Turnstile, pubblicano il video di Bang My Drum, estratto dall’album Pretty Buff previsto per il 15 marzo 2019 via Roadrunner Records, dopo i due singoli Big Ass Love e Take Away The Pain. L’album arriva a due anni di distanza da Rock The Fuck On Forever. Con la regia di Ian Shelton, un enigmatico ragazzo in maschera si aggira sconsolato per le strade di New York, finché un clochard gli dà una dritta: la sua ragazza è a Los Angeles. Il ragazzo balla fino in California, fino al dolce epilogo.

Il musicista scozzese Drew McDowall – noto anche come membro della storica band sperimentale Coil – ha pubblicato il video in relazione al brano Rhizome. La traccia è contenuta nell’album The Third Helix, uscito nel settembre 2018 via Dais Records. Il rizoma del titolo è una metafora presa in prestito dalla filosofia di Gilles Deleuze e traslata nell’ambito della musica elettronica per la sua caratteristica di radice irregolare, affine allo stile antigerarchico di McDowall. Le immagini curate da Sigrid Lauren evocano in maniera poetica le intenzioni dell’autore, mostrando tanti corpi in movimento alternati a scene di quella natura selvaggia che costituisce il macrosistema.

Promise è un brano estratto da Inland Images, album delle O’-Janà con Michele Rabbia pubblicato a ottobre 2018. Nella recensione, Fabrizio Zampighi lo definisce un lavoro «pittorico nel suo insieme, in cui i colori assumono la stessa importanza del soggetto rappresentato, e persino la cornice (ovvero il concept che indirizza il tutto, un «percorso non lineare fatto di immagini dall’interno dell’essere umano, dai luoghi del conscio e dell’inconscio, dove logico e illogico, ordine e caos, convivono») ha una sua ragion d’essere». «Sono bello? Sono seducente? Sono eterno? L’ossessione dell’essere amati, apprezzati, di lasciare un segno, di non essere dimenticati. Un giovane contemporaneo a metà tra Narciso e Dorian Gray, è il protagonista di Promise del duo O-Janà, che racconta la sua smania di piacere, riflesso non più nell’acqua del mitico lago, ma nello schermo di un PC che gli rimanda solo la sua immagine frammentata», si legge nelle note stampa allegate al video.

Linnea Siggelkow a.k.a. Ellis ha reso noto il video di All This Time, un caleidoscopico clip in cui la musicista canadese traspone per immagini le intenzioni del brano: «La canzone parla del fatto di riuscire a vedere e comprendere la propria essenza: è una cosa spaventosa e bellissima, e volevo creare una sensazione corrispondente tramite il video. Con l’aiuto dei miei amici Andy Friesen e Ariel Bader-Shamai, un mucchio di tende di pizzo e candelabri di ottone, alcuni specchi e un prisma, abbiamo realizzato questo clip. La cosa che preferisco è che indosso il vestito da sposa che mia zia si era confezionata negli anni ’70». All This Time è un brano estratto da The Fuzz, EP uscito nel novembre 2018.

Gli alfieri del christian-core ZAO tornano a distanza di tre anni dal loro ultimo lavoro con il nuovo EP, Decoding The Möbius Strip, in uscita l’8 febbraio 2019 via Observed/Observer Recordings. Come anticipazione del nuovo disco è stato pubblicato il video di  Transmission 1: I Saw The End: un caotico collage intersecato a esplosione di colori, diretto dall’artista digitale Johnny Arlett.

Leggi tutto
Precedente
I’ve been practicing my whole life: intervista a Paul Collins (Beirut) Gallipoli - I’ve been practicing my whole life: intervista a Paul Collins (Beirut)
Successivo
Sanremo 2019. Motta, Zen Circus e Achille Lauro non bastano, il Festival rimane vecchio Flow #118 – Dal mondo antico - Sanremo 2019. Motta, Zen Circus e Achille Lauro non bastano, il Festival rimane vecchio

recensione

recensione

artista

artista

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite