Flow #121 – I poteri del demiurgo

Questa settimana i clip da non lasciare indietro che abbiamo selezionato sono quattordici, a formare una video-playlist che prende spunto da Don’t Be so Hard on Yourself . Si tratta del primo singolo estratto da The Best of Luck Club, secondo album della cantautrice australiana Alex Lahey. Il videoclip è diretto da Callum Preston.

A seguire Cut, un brano estratto da Total 90, album delle Tacobellas in uscita il 18 febbraio 2019. Uno stile lo-fi degno dei film d’exploitation.

A distanza di circa un mese dall’annuncio del ritorno con l’album Father Of The Bride e dalla condivisione di due delle canzoni scelte per anticiparlo, Harmony Hall (che vede la partecipazione di Greg Leisz nell’assolo, David Longstreth dei Dirty Projectors sempre per parti di chitarra e Rostam Batmanglij alla co-produzione) e 2021 (con ospite Jenny Lewis e campionamenti dell’icona della musica giapponese Haruomi Hosono), i Vampire Weekend pubblicano il videoclip relativo al primo dei due brani sopracitati. Diretto da Emmett Malloy, il clip vede il frontman Ezra Koenig all’interno di una cucina vagamente giapponese e in una stanza accanto a Ariel Rechtshaid e Jonah Hill. Nel frattempo un serpente verde – citato peraltro nel testo – si muove in un vaso di frutta («Could never forgive the sight Of wicked snakes Inside a place You thought was dignified»). Father Of The Bride non ha ancora una data di uscita ufficiale. Su SA trovate la discografia della band completa di recensioni e ascolti, ovvero gli album Modern Vampires Of The CityContra e Vampire Weekend.

Con uno dei must del 2018, Honey (e la recensione firmata da Elena Orrù), Robyn aggiunge un altro tassello alla sua videografia: dopo la title track, è il turno di Send To Robin Immediately, diretto da Max Vitali. Ambientato principalmente in una foresta, il clip mostra scene di amicizia e d’intimità tra i protagonisti, che ballano e si tuffano in un lago di montagna.

Don’t Lie è il nuovo singolo dei Giardini Di Mirò, estratto da Different Times (qui recensito da Stefano Pifferi), album pubblicato il 30 novembre 2018; ad accompagnare la band di Cavriago è Adele Nigro, in arte Any Other, una delle rivelazioni del 2018 con Two, Geograpy (recensito positivamente da Davide Cantire). «Solitudini condivise. Geometrie spaziali e traiettorie emotive. Un mondo dilatato e, al tempo stesso, risolto fra periferia e orizzonte, fra grattacieli e oceano. L’istantanea di una sospensione fra presente e futuro. Fra tempi differenti» recita la descrizione che accompagna il video, con la regia di Daniele Sarti, che «richiama un immaginario alla Sonic Youth, tenendo sicuramente presente la lezione di autori come Larry Clark e Harmony Korine. Senza quella ruvidezza, però, annullata da un’estetica che rimanda più alla ricerca delle geometrie, ai dialoghi visivi e alle atmosfere sospese e metafisiche di certo cinema italiano ed europeo degli anni Sessanta».

Yann Tiersen pubblica Tempelhof, terzo singolo dopo Koad e Pell, estratto dall’album ALL, uscito il 15 febbraio 2019 via Mute. Il video è girato al The Eksal, lo studio di Tiersen, ma anche sede e centro sociale costruito in una discoteca abbandonata a Ushant, una piccola isola posizionata nel Mar Celtico tra la Bretagna e la Cornovaglia.

Il trio canadese Doomsquad ha pubblicato il video di General Hum, un ritmato brano art-pop che anticipa il terzo album Let Yourself Be Seen, la cui pubblicazione è prevista in data 10 maggio 2019. Nel clip diretto da Zak Tatham vediamo i volti dei musicisti fondersi e scindersi tra di loro in un continuo loop di effetti digitali. «Volevamo descrivere ancora meglio l’idea di unione post-identitaria a cui già alludiamo nella foto di copertina dell’album – spiega la band in una nota – abbiamo immaginato una forma con la quale poter andare oltre le limitazioni imposte dai nostri corpi, dal gender e dal significato di sé. Questo stato, o forma futura, è una fusione dei nostri esseri in un super corpo onnipotente».

Uscito il 15 febbraio 2019, Cast è l’album di debutto di Perfect Son uscito via Sub Pop e da cui è stato estratto il brano Promises. La canzone del musicista polacco Tobiasz Bilinski è accompagnata dal video diretto da Jarek Tokarski, che racconta un’insolita storia d’amore rifacendosi alla leggenda del Golem e al mito di Pigmalione e Galatea. Incapace di vivere nella società, l’efebica protagonista delle immagini vive isolata, ma determinata a dar vita a un partner umanoide da lei stessa plasmato.

Come attraverso una dantesca selva oscura, Whitney Ballen viaggia a bordo della sua auto nel bosco del video relativo al brano Black Cloud. I sentimenti più oscuri che necessariamente fanno parte dell’essere umano sono infatti al centro delle intenzioni messe dalla musicista americana nella sua canzone: nel clip essi sono personificati da un misterioso e inquietante passeggero incappucciato, un autostoppista a cui non concedere un passaggio, ma che in ogni caso si rivelerà un ospite indesiderato. La dolcezza e l’oscurità delle melodie e del sound ben si amalgamano con le immagini di Black Cloud, pezzo estratto dall’album You’re A Shooting Star, I’m A Sinking Ship, pubblicato da Father Daughter Records e Substitute Scene Records nell’agosto 2018.

In attesa dell’album di debutto per Pelagic Records, il trio norvegese Sâver ha pubblicato il video dell’estratto Dissolve to Ashes. Gli stessi membri della band atmospheric sludge metal commentano così le immagini: «Con il video di Dissolve to Ashes abbiamo voluto sottolineare il legame con le nostre origini, mostrando le campagne norvegesi ricoperte di neve. Come accade per le varie parti del brano, anche lo scenario evolve rapidamente, dalle profonde vallate ai campi aridi. Queste immagini mischiate ad una fredda psichedelia rispecchiano in modo perfetto la natura dei Sâver». L’album è in uscita l’8 marzo 2019 col titolo They Came With Sunlight.

Bellezza e violenza si mischiano nel video di When a Demon Defiles a Witch, quarto singolo estratto dal settimo album dei Whitechapel. Diretto da Mathis Arnell, il clip mostra la lotta psicologica fra una strega e un demone, fatta di condizionamenti mentali e riti magici. Lo stile di stampo cinematografico esalta le immagini forti e le eleva rispetto agli standard dei video relativi all’ambito metal. Il disco è in uscita il 29 marzo 2019 col titolo The Valley, edito da Metal Blade Records.

Offset, uno dei componenti del gruppo hip hop Migos, ha pubblicato il video di Red Room, singolo estratto dall’album omonimo previsto per il 22 febbraio 2019. Nel clip diretto da Aisultan Seitov, si vede Offset in una stanza rossa con delle candele a riflettere sulla sua vita, che poi passa in panoramica davanti agli occhi dello spettatore, dalla sua infanzia ai giorni nostri, focalizzandosi sia sugli aspetti positivi che negativi attorno a lui.

Dopo l’EP RUNT e in attesa dell’uscita dell’album Nothing Great About Britain, il rapper di Northampton Slowthai, all’anagrafe Tyrone Willams, ha pubblicato il video per il singolo Peace Of Mind. Nel clip, il tema surreale è predominante, quasi un incubo, atto a simboleggiare l’instabilità mentale che viene raccontata nel pezzo. Strizzatina d’occhio al capostipite della saga Nightmare per la scena del letto, dove Slowthai viene inghiottito come Johnny Depp.

L’artista pop-sperimentale Jean Dawson ha pubblicato il corto intitolato Memory Is Software, contenente due suoi singoli, Napster e Bullfighter, estratti dall’album in uscita intitolato BAD SPORTS. Con la regia di Zachary Bailey e Mikayel, si intuisce il termine di una relazione tra Jean Dawson e la sua ormai ex ragazza (già con un nuovo partner); di qui, il cammino senza meta dell’artista, passando per un parcheggio vuoto in compagnia della propria solitudine, finendo in un magazzino abbandonato a cantare con la sua band di angeli con le pistole.

Leggi tutto
Precedente
Doppio sogno (o il sogno del doppio). Intervista a Dino Fumaretto Dino Fumaretto - Doppio sogno (o il sogno del doppio). Intervista a Dino Fumaretto
Successivo
“La memoria delle parole e la musica leggera”. Intervista a Edda Edda - “La memoria delle parole e la musica leggera”. Intervista a Edda

Altre notizie suggerite