Flow

Flow #35 – Nella Loggia Nera

Ecco le novità che ci hanno accompagnato durante la settimana appena trascorsa al Great Northern Hotel, riunite in un unico flusso che prende spunto dal video di Roger Waters per il brano The Last Refugee. Si tratta del primo videoclip estratto da Is This The Life We Really Want?, album dell’ex bassista dei Pink Floyd disponibile dal 2 giugno, a venticinque anni di distanza dal suo ultimo lavoro, Amused to Death. Il corto, diretto da Waters insieme all’amico Sean Evans, con cui aveva già collaborato per la regia di Roger Waters: The Wall (2014), mostra quella che in un mondo desolato e apparentemente disabitato è l’ultima rifugiata, mentre sogna di ballare e di ricongiungersi con i propri affetti. In seconda battuta un brano del 2015 che solo oggi vive il successo di massa grazie ad un inedito videoclip, ma soprattutto grazie al suo inserimento nella nuova stagione della serie cult Twin Peaks. I Chromatics sono infatti protagonisti della scena finale della seconda parte del revival, mentre si esibiscono alla Roadhouse suonando Shadow. Il clip diretto da Rene & Radka è un omaggio a Julee Cruise, cantante statunitense ben nota per le sue partecipazioni alle colonne sonore di Velluto Blu e Twin Peaks degli anni ‘90. Quasi d’obbligo la scenografia del video, caratterizzata dai drappi rossi tipici della Loggia Nera, luogo perturbante per eccellenza nella narrazione lynchana.

In settimana è stato pubblicato il nuovo video di Andy Shauf come accompagnamento all’uscita dell’album The Party, fuori dal 20 maggio per Anti Records. Nel clip del brano Early to the Party, diretto da Luke McCutcheon e Michael Yablonski, sono protagoniste le atmosfere cupe e i tempi dilatati di una festa casalinga da incubo, vissuta dal protagonista come spettatore esterno, costretto però ad un gioco delle parti reso evidente in maniera grottesca. La playlist giunge poi in Italia con l’elettronica del producer romano Luca Albino, in arte Capibara. Il singolo di nuova uscita si intitola Fantino ed è associato al video curato dai registi Daniel Bedusa e Danilo Bubani. Le immagini, dal forte impatto estetizzante, descrivono un gruppo di ragazzi e le loro auto e moto come fossero quasi dei feticci. Questa nuova traccia arriva a due anni dall’ultimo album GonzoIl rapper californiano Vince Staples è tornato col video di Big Fish, brano estratto da Big Fish Theory, nuovo album in uscita il 23 giugno. Il video, prodotto da Christian Rich e diretto da David Helman, vede la partecipazione del musicista Juicy J (Jordan Houston) ed immortala Staples bloccato su una barca semiaffondata in mare e circondata da squali.

Il 7 aprile scorso Warp Records ha pubblicato il nuovo album di Clark, producer e performer inglese che con Death Peak è giunto ormai al nono disco. Durante la settimana è stato rilasciato il video dell’estratto Peak Magnetic, per la regia di Sander Houtkruijer. Le immagini sono caratterizzate da un’ipnotica rotazione del piano su cui si muovono due figuranti, in un gioco di dualismi continuo. Il disco è stato recensito su queste colonne da Edoardo Bridda. Si torna poi in Italia, stavolta a Torino, col trio elettronico strumentale Pugile. Basso, batteria, synth e voce caratterizzano il sound di Yunta, nuovo singolo uscito per Variables Music. Il video di Leo Leonardi ci trascina nel flusso dei globuli rossi fra misteriose strutture. È poi il momento dei Nightlands, indie band proveniente da Philadelphia. You’re Silver è un estratto dall’album I Can Feel The Night Around Me, uscito questo mese per Western Vynil. Le atmosfere distese sono esaltate dal video di Daniel Fox e Mathew Marchlewski, che descrive una fuga in auto dalla città verso paesaggi costieri. Scuba è la prima uscita dei Regata (band synth pop di Imola sotto V4V Records), un brano tradotto con attitudine punk in easy wave; il singolo prende il nome dalla serie di orologi Swatch anni ’90 viaggiando su onde elettroniche e parole semplici. Sullo stesso filo conduttore seguono i N-A-I-V-E-S, che con Trampoline, estratta dall’omonimo album, riprendono la sintesi tra lisergicità ed estetica vaporwave, applicandola questa volta a paesaggi tropicali e ritmi esotici, e immaginando un naufragio su un’isola deserta.

Tra momenti di solitudine e condivisione collegati da una misteriosa danzatrice con mascherina, l’ispirazione giapponese serve agli American Football per raccontare la loro My Instincts Are The Enemy, tratta dall’omonimo LP che potete trovare recensito da Tommaso Iannini direttamente quiLa band irlandese The Winter Passing se ne esce con Significance, brano contenunto nell’EP Double Exposure uscito per 6131 Records e Big Scary Monsters: nel video, una ragazza triste cerca di ritrovare il sorriso perduto in riva al mare e in città. Immagini grottesche e surreali che uniscono caleidoscopi, scarafaggi e cani andalusi sono concentrate in Roaches, pezzo dei Microwave, band alt rock uscita lo scorso anno con l’album Much LoveUna delle band italiane più titolate ritorna prepotentemente sulla scena, anticipando l’uscita di 8, prevista per il 22 settembre sotto Neurot Recordings: sono gli Ufomammut, che con Warsheep (gioco di parole con worship, culto) intraprendono un claustrofobico viaggio nel bosco per poi capitare in una villa abbandonata. Un viaggio tra atmosfere infernali di un futuro post apocalittico è la base di partenza per Army Of Electrons degli Arcadea, side project del batterista e cantante dei Mastodon, Brann Dailor, assieme a Core Atoms degli Zruda e a Raheem Amlani degli Withered; il 16 giugno uscirà Arcadea per la Relapse Records. Chiude pesantemente la playlist Tantrum dei Bison, band sludge di Vancouver che con l’album You Are Not The Ocean You Are The Patient, in uscita il 23 giugno per il mercato europeo, sottolineano la nostra mancanza di libertà in una società opprimente e che ci controlla.

https://open.spotify.com/user/flowjobplaylists/playlist/2uU5ksVZngbE1Jo7l68kYc