Flow #85 – Solo farmaci generici

La selezione settimanale di Flow si apre con il video dei Delta Sleep, band post hc di Brighton, UK, intitolato El Pastor, primo singolo del nuovo album in uscita nei prossimi mesi, a tre anni da Twin Galaxies. Nel clip diretto da Devin Yüceil, ogni membro della band viene ripreso in movimento attraverso la città di mare del sud dell’Inghilterra, mostrandone le particolarità e i colori.

A tre anni da Mainstream (recensito su SA da Marco Frattaruolo), è imminente l’uscita di Evergreen (il 25 maggio) del cantautore romano Calcutta. Dopo Orgasmo e Pesto, è la volta di Paracetamolo, sempre diretto da Francesco Lettieri, regista ormai legato a doppio filo con Calcutta: protagonista del video è un signore di mezza età che passa le sue giornate al bar e al karaoke; proprio al bar si invaghisce della ragazza che lo serve, facendolo fantasticare su una storia d’amore. C’è chi dice che in questo video ci sia qualche riferimento a Liberato

Il supergruppo LSD formato dal produttore Diplo, da Sia e da Labirinth sforna il secondo singolo, Audio, dopo il precedente Genius. Con la regia di Ernest Desumbila, Diplo acquista una macchina da un rivenditore dove, nel portaoggetti, trova una cassetta che fa partire il pezzo; Sia, con le fattezze di un palloncino, segue una bambina che si improvvisa ballerina in un parcheggio danzando sulle note della canzone.

Morning View è la nuova traccia collaborativa tra Towkio e la rapper SZA. Nel video diretto da Todd Barrett e filmato allo YouTube Space Los Angeles, si vede Towkio nelle vesti di un astronauta solitario intento a viaggiare nello spazio aperto, mentre SZA compare solo come trasmissione in ologramma, probabilmente come lontana amata del viaggiatore spaziale.

L’artista di Dublino Hilary Woods diffonde il video per Prodigal Dog, singolo estratto dall’album di debutto Colt, in uscita l’8 giugno via Sacred Bones Records. Con la direzione di Joshua Wright, la cantante commenta così: «Per Prodigal Dog ho deciso di realizzare un video leggermente claustrofobico, ciclico, prevalentemente di colore nero, che tracciasse la sensazione interna che ha originato la canzone».

Sensazione di disagio e tensione nel primo video di Cecilia, House Of Flesh, estratto dall’album Adoration per Halcyon Veil. Diretto da Foreverada e dalla stessa Cecilia, il video mostra una stanza di New York in cui una ragazza si rotola nel letto tra le coperte, per poi versarsi del vino addosso mentre, vestita di bianco, è sdraiata nella vasca da bagno; le tinte del video virano sul rosso acceso e lei finisce per leccare i piedi ad una figura che non viene poi inquadrata.

Il producer britannico Ryan Lee West a.k.a. Rival Consoles ha pubblicato in settimana il video di Hidden, traccia inclusa in Persona, album uscito il 13 aprile per Erased Tapes e recensito positivamente sulle nostre colonne da Daniele Rigoli. I suoni sintetici ed astratti si traducono in un’esperienza abbagliante grazie alle immagini del regista Dan Medhurst: «Dopo aver girato una performance dal vivo di Ryan, abbiamo alimentato questi scatti attraverso una serie di vecchi monitor e proiettori di editing della BBC. Abbiamo filmato più strati e introdotto trame e distorsioni con alcune lenti di Fresnel. Attraverso questo processo di invio dal segnale digitale a quello analogico abbiamo creato una ricca miscela di immagini astratte».

A due anni dall’acclamato Puberty 2, Mitski sta per tornare col nuovo album Be the Cowboy, la cui uscita è prevista il 17 agosto prossimo. Le prime melodie rese note sono quelle di Geyser, brano sognante e disperato che nel clip prende forma su una spiaggia cupa e funerea, in cui la stessa Mitski scava alla ricerca di qualcosa. L’intero album ruoterà intorno alla figura di una immaginaria donna emotivamente repressa che inizia a svelare i propri turbamenti.

Francesco De Leo ha pubblicato il suo primo album solista ad aprile, smarcandosi da L’Officina della Camomilla, band di cui è leader dal 2008. Si intitola Malanoche, è stato prodotto da Giorgio Poi ed edito da Bomba Dischi: ne fa parte il brano Heroin Chic, il cui video è stato pubblicato insieme ad altri sette capitoli, a comporre un originale concept narrativo. Qui, in una stanza semidistrutta, un ragazzo sotto l’effetto della droga vive esperienze psichedeliche.

Nuovo singolo per Joji, che dopo la pubblicazione dell’album Windows torna col brano Yeah Right. Il cantante e youtuber nippo-australiano si allontana dai suoi alias Filthy Frank e Pink Guy e mostra anche in questo caso una grande malinconia, espressa dalle immagini lo-fi e dal refrain «I’ma fuck up my life», pur non rinunciando a un pizzico di amara ironia.

Il 27 aprile la indie-rock band Forth Wanderers ha pubblicato l’album omonimo, di cui fa parte il brano Not for Me. Il videoclip che l’accompagna è stato girato a Montclair (New Jersey), città natale dei componenti del gruppo, i quali sono protagonisti di un diario dei ricordi che si conclude con una sorta di pranzo domenicale in famiglia, in cui ironia e nostalgia si fondono. Sul nostro sito potete trovare la recensione del disco, ad opera di Valerio Di Marco.

Dietro agli onirici brani dei Launder vi sono il cantautore californiano Cudlip Zachary e le collaborazioni della cantautrice francese SoKo e di John Cole Smith dei DIIV. Lo scorso aprile i Nostri hanno pubblicato il loro EP Pink Cloud da cui è stato estratto Blue Annie, un brano che – stando alle parole di Smith – parla di quel momento in cui stai cercando di aiutare qualcuno ad uscire da un periodo di negatività, ma allo stesso tempo ne vieni sopraffatto. Nel video diretto da Robbie Barnett questa sensazione emerge grazie alle cupe immagini spettrali e claustrofobiche che ricordano l’estetica legata al goth e al creepypasta.

Impegnato sul versante LGBT, il progetto losangelino Hit Bargain vede tra le sue fila componenti di This Are Powers, The Pains of Being Pure in Heart, Cold Beat, North Highlands e Beach Fossils e propone un noise rock a tratti sognante, con importanti influenze punk. Formatisi nel 2016, i Nostri hanno pubblicato recentemente il loro album di debutto Potenzial Maximizer, da cui è stato estratto Capitulate, brano accompagnato da un video – dalla spiccata attenzione per la composizione simmetrica – diretto da Jessica GZ, nel quale vediamo un uomo correre a piedi nudi per le strade californiane mentre fugge da se stesso.

I Trash Boat sono prossimi alla pubblicazione di Crown Shyness, in uscita il 20 luglio attraverso Hopeless Records, e pertanto hanno pubblicato il video di Shade, primo estratto dell’album. Diretto da Lewis Cater, il clip mostra la band suonare in playback immersa in scenari in penombra irradiati da flebili raggi di luce, una metafora sulle difficoltà giornaliere e un invito a superarle.

Una foresta sinistra, un uomo che corre e un gigantesco incendio doloso le cui fiamme avvolgono un’abitazione: questo è lo scenario scelto dal regista Max Moore per il video – filmato a ritroso – di Empire of Dirt dei Varials, brano estratto dal loro secondo album Pain Again del 2017. L’atmosfera angosciante e sovrastata dai riff intensi della band di Philadelphia amplifica maggiormente il significato delle parole del cantante Travis Trabon, che descrive il video così: «Empire of Dirt è al 100% incentrato sull’idea che le persone nate in un contesto agiato hanno uno stile di vita costantemente al rialzo, per poi rendersi conto che tutto ciò che sono è il re dei fottuti ratti».

In Unity of Opposites vengono affrontate le ipotetiche difficoltà che potrebbero verificarsi nel periodo seguente ad un evento catastrofico, in particolar modo inerenti la reattività della società e la propria capacità di metabolizzare tale orrore. Tutte queste sensazioni sono tradotte nelle tetre immagini in bianco e nero di un clip che rende visivamente concreta l’atmosfera apocalittica dei Lynchgate. Il brano è un estratto che anticipa la pubblicazione di The Contagion in Nine Steps, album influenzato concettualmente da opere di Huxley, Hegel e Platone.

Leggi tutto
Precedente
Westworld, commento all’episodio 2×04 (“The Riddle of the Sphinx”) Jonathan Nolan - Westworld, commento all’episodio 2×04 (“The Riddle of the Sphinx”)
Successivo
Maledettamente contemporanei. Intervista ai Buñuel Buñuel - Maledettamente contemporanei. Intervista ai Buñuel

recensione

recensione

recensione

artista

artista

artista

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite