Flow #96 – Tra le nuvole

Dopo aver trascorso gli ultimi sei anni a firmare hit di successo per altri artisti, Alessandro Raina torna con l’inedito Lana Del Rey. Le sonorità che lo legavano agli Amor Fou lasciano spazio a una malinconica e moderna trap nella quale si intersecano le note di sassofono del newyorkese Matt Bauder. Ad accompagnare il brano un clip, co-diretto dallo stesso Raina assieme a Nicholas Mottola Jacobsen, caratterizzato da sottotitoli in russo che ne enfatizzano una certa sensazione di estetica post-sovietica. Il video presenta immagini quasi sovraesposte e poco contrastate che raccontano un insolito spaccato urbano districandosi tra austeri dettagli strutturali, momenti di adolescenza e una corsa di levrieri in un cinodromo, per poi quasi svoltare direzione opposta regalando immagini di scenari boschivi e animali in libertà.

Nella musica dell’israeliana Totemo – il cui vero nome è Rotem Or – convergono l’elettronica e i suoni lontani degli strumenti della tradizione musicale cinese, generando così una personale declinazione di dream-pop. Origami è il primo singolo estratto dal suo prossimo album ed è accompagnato da un video in cui il regista Hagay Swisa dà prova di un’alta sensibilità estetica narrando la storia di una ragazza – interpretata dalla stessa Totemo – che, partendo da un lettino da psicoterapia, si muove tra luoghi e mondi surreali assimilabili al subconscio e frammenti di un passato ormai dimenticato.

Uno dei tratti distintivi degli artisti della 88rising è la particolare estetica che li caratterizza, in bilico tra la meme e glitch art, nonostante il percorso più maturo intrapreso nell’ultimo periodo. Difatti questo binomio vincente lo ritroviamo anche nel clip di Head in Clouds: un viaggio in compagnia di Joji a bordo di una nuvola, solcando cieli che sovrastano paesaggi mozzafiato, montagne e canyon, fino a decollare oltre l’atmosfera per poi raggiungere l’iperspazio. Head in Clouds appare come traccia di chiusura nella compilation omonima pubblicata lo scorso 20 luglio sotto il nome di 88rising.

L’artista californiano CUCO, pseudonimo di Omar Banos, ha pubblicato il video di Summer Time High Time, singolo in collaborazione con J-Kwe$t estratto dall’EP Ciquito, uscito lo scorso 4 maggio. Diretto da Abraham Recio aka MU$TY BOYZ, il video mostra una festa di quartiere che vede i protagonisti del pezzo vivere due differenti situazioni, entrambe legate a un amore estivo: CUCO si innamora della versione femminile di Tavoletta (personaggio del cartone animato Ed, Edd & Eddy), mentre J-Kwe$t va nei guai per essersi avvicinato troppo ad una ragazza.

Dev Hynes, meglio conosciuto come Blood Orange, ha da poco annunciato Negro Swan, nuovo lavoro previsto per il 28 agosto su Domino Records. Nel mentre, è uscito Jewelry, video diretto dallo stesso Hynes, che apre con un monologo della scrittrice e attivista per i diritti transgender Janet Mock, per poi mostrare Hynes ballare assieme ad altri ragazzi senza maglietta in un parco; chiude il passaggio di un angelo su una Toyota Trueno bianca.

1997 Diana è il nuovo video del collettivo BROCKHAMPTON, diretto sempre da Kevin Abstract, che segue i singoli già pubblicati 1999 Wildfire, TONYA e 1998 Truman, che quasi certamente verranno inclusi in The best years of our lives. Ambientato in una palestra, tra campo da gioco e spogliatoi, il pezzo frenetico segue i protagonisti mentre si scatenano tra gli atleti presenti.

La power-pop band di Washington DC Bad Moves debutterà a settembre con Tell No One, primo full length che segue l’EP del 2016 e da cui è tratto il brano Spirit FM. Il video è stato curato da David Combs, Katie Park e Ben Epstein, i quali secondo lo spirito del testo descrivono una società conformista, dominata da credenze radicate e spinta da una crescente pressione: nel clip le persone sono incoraggiate a vestirsi di bianco, ma una ragazza si aggira come un’aliena vestita completamente di blu, osservando ciò che si nasconde sotto la superficie di quel mondo candido.

I Gouge Away sono una band hardcore dal sound noise-rock anni ‘90 appena approdata alla Deathwish, Inc., l’etichetta di Jacob Bannon dei Converge. Dopo una gavetta DIY nell’underground, il gruppo della Florida pubblicherà il 28 settembre l’album Burnt Sugar, prodotto da Jeremy Bolm, frontman dei Touché Amoré. Nel video relativo all’estratto Only Friend appaiono i tre componenti della band e un uomo in fuga per le strade di Fort Lauderdale.

Letting Go è il brano d’apertura del nuovo album dei Wild Nothing, band del roster Captured Tracks che si identifica col suo creatore Jack Tatum. Il disco uscirà il prossimo 31 agosto col titolo Indigo, un concentrato di atmosfere anni ‘80 attualizzate con sapiente uso di chitarre e sintetizzatori; una sensibilità rétro che si ritrova anche nel video uscito in settimana, caratterizzato da bizzarre metafore legate alle tematiche di morte e libertà.

Leggi tutto
Precedente
Myss Keta, Milano, Sushi & Weimar: l’insospettabile ponte tra Myss Keta e il costruttivismo russo Myss Keta, Milano, Sushi & Weimar: l’insospettabile ponte tra Myss Keta e il costruttivismo russo
Successivo
Flow #97 – Immacolata Kylie Flow #97 – Immacolata Kylie

Altre notizie suggerite