Francesca Michielin, Måneskin – STATO DI NATURA

Tutti i video di Francesca Michielin
Precedente
FINNEAS – Let’s Fall in Love for the Night Finneas - FINNEAS – Let’s Fall in Love for the Night
Successivo
The Killers – Caution The Killers - The Killers – Caution

Info

STATO DI NATURA è il nuovo singolo di Francesca Michielin scritto in collaborazione con i Måneskin e contenuto all’interno del suo ultimo album FEAT (Stato di Natura). Disponibile dal 13 marzo 2020 (per Sony Music), il disco arriva a due anni dal precedente 2640 ed è composto da 11 featuring, frutto delle collaborazioni della cantautrice con alcuni dei nomi più importanti del panorama musicale attuale (Fabri Fibra, Gemitaiz, Elisa, Coma_Cose, Dardust, Max Gazzé e Giorgio Poi).

Definito nella recensione del nostro Luca Roncoroni come «l’episodio peggiore» dell’album, STATO DI NATURA è un inno femminista in cui la cantautrice di Bassano del Grappa sottolinea l’importanza delle parole, attaccando direttamente coloro che ne fanno un arma di violenza gratuita («Rivendichiamo per il corpo la libertà / Ma critichiamo una ragazza che si veste come le va / C’insegnan che la donna è madre / Una pin up che guida male / Ma il navigatore ha quella voce là / Dell’immagine servile con cui ci avete dipinte / Con il fatto di sentirci obbligate ad esser spinte / Usate il nostro seno ovunque, una cosa normale / Ma se allattiamo in pubblico? Non si fa, è immorale»).

Filmato interamente dalla Michielin (ma ideato con il regista Giacomo Triglia), il videoclip di STATO DI NATURA è in realtà un self-tape girato col cellulare e mascherato poi come un video in 4:3 destinato ad una fruizione con VHS (suggerito anche dalle inquadratura d’apertura e di chiusura su un videoregistratore). La cantautrice parla in camera circondata da uno «scenario urbano scarno – come dice la nota stampa – che richiama uno dei temi portanti del nuovo disco: l’incontro-scontro tra la dimensione cittadina e quella più naturale»; durante il ritornello, le parole del testo compaiono a caratteri cubitali su tutto lo schermo.

di Nicola Rakdej

Altre notizie suggerite