Gianni Maroccolo – Sognando feat. Don Backy & Edda

Tutti i video di Gianni Maroccolo, Edda
Precedente
Generic Animal – Scarpe #2 Generic Animal - Generic Animal – Scarpe #2
Successivo
Max Penombra (feat. Visioni di Cody e Francesco Giampaoli) – Del delirio del delta Max Penombra - Max Penombra (feat. Visioni di Cody e Francesco Giampaoli) – Del delirio del delta

Info

Sognando è il primo estratto da Alone IV, il quarto capitolo del «disco perpetuo» di Gianni Maroccolo (in arte Marok) in uscita il 17 giugno 2020 per Contempo Records. Il singolo è una cover dell’omonimo brano di culto composto nel 1971 da Don Backy (che qui ritorna a cantare accompagnato da Stefano Edda Rampoldi) e portato al successo da Mina nel 1978, anno di entrata in vigore della Legge Basaglia (che decretò la chiusura dei manicomi).

«Una versione ultra-contemporanea che mantiene però intatta l’anima della versione originale – dice la nota stampa – una traccia che oscilla fra oscuro minimalismo ed estrema densità di suoni, coordinate entro cui si inscrive il cantato doppio di Don Backy e Edda che rimanda a una sorta di sdoppiamento della personalità. Una versione allucinata che rende ancora più profondo l’impatto emotivo del testo di Don Backy, dove alla radice della follia c’è la perdita dell’amore».

Diretto da Michele Bernardi, che è partito dalle immagini realizzate dall’illustratore Marco Cazzato per l’album, il videoclip di Sognando è una rappresentazione visiva della follia (un busto corroso lentamente da un tarlo) che si sposta dal piano individuale a quello collettivo. «Il tarlo corrode il busto fino a sgretolarlo – prosegue la press – così come la malattia mentale corrode la psiche e come forse le spinte irrazionali che attraversano il nostro tempo minacciano di corrodere il pensiero scientifico. Un video in cui la rappresentazione visiva di una patologia diventa efficace radiografia del nostro tempo, delle sue ossessioni, delle sue aberrazioni».

Per quanto riguarda Marok, su SA potete trovare la recensione di Alone Vol. 1 (2018) e quella di Alone Vol. 3 (2019), tutte e due firmate da Giulio Pasquali. Di Edda invece – che ha da poco collaborato con Maroccolo per il disco Noio; volevam suonare – potete leggere la recensione di Graziosa Utopia (2017) e quella di Fru Fru (2019), entrambe scritte da Fabrizio Zampighi.

di Nicola Rakdej

Altre notizie suggerite