Esclusiva

Il mare diventa una metafora dei momenti della vita, nel nuovo video di Francesco Cerchiaro

Mare è il nuovo singolo di Francesco Cerchiaro, che torna a sette anni dall’ultimo album. La wave piuttosto crepuscolare del brano ben si adatta alle immagini pensate da Michelle Pan: «Le immagini si intrecciano tra il didascalico, il surreale e l’onirico. Si parte con una sorta di cronaca del mare inteso in senso fisico; i tuffi, le corse sulla spiaggia ma anche i viaggi della speranza e i naufragi. Sempre incalzati dal ritmo della canzone ci si sposta sul surreale; l’orso che corre tra i grattacieli e molti elementi naturali, il fuoco e l’acqua che si mischiano al quotidiano, come le corse degli skaters. Il video sul finale diventa una sorta di allucinazione onirica».

«Il Mare cui il titolo del brano fa riferimento – dichiara il musicista nel comunicato stampa – è quello che tutti stanno navigando in un dato momento della loro vita: il mare della vittima e dell’aguzzino, del sognatore e del pragmatico, dell’amore e dell’odio, della terra di mezzo e del confine. Di chi si è fermato per sempre a riva e di chi, da quella riva, ripartirà. La canzone contiene tutte le coordinate del disco che verrà. Si cerca di dare voce a quell’esistenza minima comune ad ogni uomo, al di là del tempo e dello spazio di ogni singola vita».