Riccardo Zanotti, Pinguini Tattici Nucleari, still dal clip de “La Storia Infinita” (2020)

I Pinguini Tattici Nucleari rifanno “Stranger Things” per il nuovo videoclip

Il pezzo cita l’omonimo film di Wolfgang Petersen, ma l’ambientazione scelta della band it-pop capitanata da Riccardo Zanotti è quella di Stranger Things. In comune la pellicola e la fortunata serie tv hanno l’immaginario 80s, che è anche il terreno sul quale si muove gran parte delle citazioni cinematografiche dei Pinguini Tattici Nucleari, band il cui bonario romanticismo nerd, condito da abusati stilemi cantauto-pop, non ci è proprio andato giù in sede di recensione.

Il videoclip de La Storia Infinita è un omaggio a Stranger Things, una serie TV che abbiamo adorato e che è subito diventata un instant classic. Quando un’opera d’arte trascende il periodo storico in cui è stata concepita e assume un significato diverso per ogni generazione futura, è allora che diventa un classico. E La Storia Infinita, così come Stranger Things, lo è. Le estati più importanti della nostra vita potrebbero essere viste come i grandi classici di ognuno di noi: l’estate del primo bacio, della prima corsa in bici, del primo viaggio senza i genitori… Il video, come la canzone, è un omaggio all’idea di classico, cioè qualcosa che continua ad essere importante anche dopo tanti anni, perché ha valore (Riccardo Zanotti)

In questa sede, non ci sentiamo di condannarli, il pezzo funziona, è ben scritto, e il videoclip omaggio alla serie Netflix – che non è certo al riparo da critiche di piaggeria – restituisce al meglio ciò che Zanotti e co. vogliono essere, la versione patatine Pai de Lo Stato Sociale, un gruppo di Peter Pan che rappresenta al meglio qualsiasi prequel possibile di un film di Muccino. Quel tutto andrà bene prima che la realtà (e le sue bassezze) bussi alla porta (e picchi duro).