Reno – 2020

Tutti i video di Reno
Precedente
Sdang! – Le crepe nella diga di Itaipu Sdang! - Sdang! – Le crepe nella diga di Itaipu
Successivo
“Boys Don’t Cry”. Ridere nascondendo le lacrime, l’irraggiungibile malinconia dei Cure The Cure - “Boys Don’t Cry”. Ridere nascondendo le lacrime, l’irraggiungibile malinconia dei Cure

Info

In anteprima esclusiva su SA, 2020 è il mix dell’omonimo album di Reno uscito in aprile 2020, dedicato a nostalgie 80s da un futuro ormai svanito e che è già passato.

«È il 1986 e l’Italia si connette per la prima volta a Internet: un orizzonte sconfinato di possibilità si staglia davanti a noi. Dalle infinità del cosmo alle microstrutture esplorabili con nanotecnologie: “come diavolo sarà la vita nel 2020?” ci chiediamo nella semioscurità della nostra casa, illuminati solo dai fosfori verdi di un personal computer. Macchine volanti, androidi al nostro servizio ed il sogno di una vita eterna… Eppure siamo qua, siamo nel 2020, il futuro è ora… e tutto è come prima. Diamine… qualcosa deve essersi incagliato nel meccanismo, qualche pagina del manuale di istruzioni si è sicuramente persa durante il viaggio, la Legge dei Ritorni Acceleranti è andata in crash. Ecco cos’è quell’acre odore di cortocircuito: transistors bruciati… “2020” è tutto ciò. É il retrogusto amaro che ti rimane in bocca per un progresso promesso e non realizzato. É lo sconforto per non essere ancora atterrati sul deserto di Marte ad osservare l’orbita di Fobos e Deimos, le sue due lune. È la disillusione per un futuro di silicio, luci al neon e cibo liofilizzato che è mezzo metro davanti a noi ma che non riusciamo ad afferrare».

di Luca Roncoroni

Altre notizie suggerite