• apr
    01
    2009

Album
1

Interval Recordings

Due le anime dietro al progetto dei Mem1, Laura e Mark Cetilia e una miscela tutt’altro che accademica di manipolazine digitali e d’improvvisazione intelligente. La loro è un’elettroacustica sinfonica e introversa per laptop e violoncello, quella raccontata già ai tempi di Alexipharmaca (Interval,2007) ed ora pronta a rimettersi in gioco per questa seconda occasione con l’Interval Recordings.

Un cast d’eccezzione per 1, nove luminari nell’ambito dei microsuoni chiamati dai Mem1 a contribuire alle loro fonti e ad esplorare le inflessioni più austere dello strumento. Nessuna rigida impostazione di stile ma semplici intuizioni, capaci prima di captare e di identificarsi nei differenti stimoli creativi, contribuendo poi al suono con mutevoli dialettiche in riverberi, campionamenti, loop e droni.

Il benvenuto quindi: all’ambient plumbea per abrasioni ed occasionali field recordings di Jan Jelinek, alle architetture liquide per Ido Govrin od abissali per RS-232, al culto dub di Frank Bretschneid, all’elettronica fluttuante e di segnale di Kadet Kuhne ed infine alle frenetiche dinamiche di collage del maestro Steve Roden.

Ne rimarrete stregati e coinvolti da capo a coda, per il numero infinto di forme che ogni traccia assume, per la malleabilità ed infine per il continuo.

7 ottobre 2009
Leggi tutto
Precedente
?Alos – ricamatrici ?Alos – ricamatrici
Successivo
Julien Temple – The Filth And The Fury Julien Temple – The Filth And The Fury

album

artista

Altre notizie suggerite