Barker – Utility
Set
06
2019

Barker

Barker – Utility

Ostgut Ton

Elettronica
Precedente
Navarasa : Nine Emotions Yorkston/Thorne/Khan - Navarasa : Nine Emotions
Successivo
Dixie Blur Jonathan Wilson - Dixie Blur

Info

Pubblicato il 6 settembre 2019, Utility è l’album di Sam Barker, dj resident del Berghain, co-fondatore di Leisure System e metà del duo ambient Barker & Baumecker assieme a Andreas Baumecker da Francoforte (attivo già nei primi anni Novanta come nd_baumecker). Seguito dell’EP Debiasing sempre su Ostgut Ton, il primo lavoro lungo del producer applica alla techno dub (ma in parte anche all’IDM e all’intorno delle musiche baleariche), un similare approccio – d’infinito rush (senza i kick e senza i drop) – a quello utilizzato da Lorenzo Senni. Simile è questa traslazione, disossata e scarnificata, di uno specifico sound clubbista: la trance degli anni ’90 per il producer italiano, il catalogo Basic Channel e il sound techno marchiato Berghain per quello britannico.

Anche nel caso di Utility parliamo di euforia come concetto preso in purezza e anche qui, come nel caso dell’autore di Quantum Jelly, ascoltiamo un approccio ritmico melodico fatto di “chord stabs”, un tamburellare di note olografiche, digitali, che producono frattali di luci led così come fondali d’ambient immersiva ereditati dal già ottimo Turns. Il risultato è una “glossy elettronica” come la intende James Ferraro da Far Virtual Side in avanti. Molto 2d stratificata a Platform, molto anni ’10.

Il titolo del disco scelto da Barker introduce inoltre una sottile critica: il sistema utilitaristico/istituzionale dei club, con il suo indotto “farmaceutico” annesso e connesso come cinico/scientifico livellatore dell’altalena serotoninica, l’abolizione della sofferenza come base di un’esperienza rave utopica e capitalisticamente manovrata. Al netto delle svrastrutture post-strutturaliste che possiamo applicarci, il disco si gode anche così per come suona. E lo dice bene la press, rappresenta a suo modo una collezione di vignette psichedeliche ottenute per sintesi modulare e non ben indentificati strumenti autocostruiti. 

Curiosa anche la traccia finale, Die-Hards Of The Darwinian Order, nove minuti di drop music in scarico, lavori in corso che fanno molto Autechre altezza Tri Repetae, anche solo per la scelta di metterci un pezzo fatto così in chiusura.

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite