Sing In A World That’s Falling Apart
Gen
24
2020

Black Lips

Sing In A World That’s Falling Apart

Fire Records

Rock
Precedente
Watchmen: Volume 1 (Music from the HBO Series) Trent Reznor - Watchmen: Volume 1 (Music from the HBO Series)
Successivo
Yearning For The Infinite Max Cooper - Yearning For The Infinite

Info

Anticipato da un mixtape che ne rivelava la svolta sonora e in uscita il 24 gennaio 2020 in partnership con Vice e Fire Records, Sing In A World That’s Falling Apart è l’album dei Black Lips che segue a distanza di due anni Satan’s graffiti or God’s art?.

Secondo la press, il disco, registrato nei leggendari (e recentemente riaperti) Valentine Recording Studios nel Laurel Canyon (qui ci suonarono tanto i Beach Boys quanto Bing Crosby), segna (ma solo sui generis) un ritorno al raw sound delle origini per la band composta da Cole Alexander (voce, chitarra e armonica), Jared Swilley (basso), Oakley Munson (batteria), Zumi Rosow (sax) e Jeff Clarke (chitarra) che lo ha co-prodotto e registrato su nastro 2” con l’aiuto di Nicolas Jodoin (quindi niente super produttore come nei dischi precedenti a sto giro).

Ad anticiparlo, i singoli Odelia e Gentlemen, entrambi arrangiati su basi southern & country …alla faccia del garage delle origini (ma sicuramente il country è qualcosa che provarono a fare già 20 anni fa in brani come Sweet Kin e Make It). Dunque parliamo di un r’n’r caciarone nel primo caso e di un vintage r’n’b tra Rolling Stones e Bob Dylan (e tanto di chitarra slide) nel secondo.

La band preferisce metterla giù così: «This ain’t your granny’s country album. And conversely this ain’t your mama’s Black Lips».

di Edoardo Bridda

Widget

Altre notizie suggerite