Album

Drake

Dark Lane Demo Tapes

1 Maggio 2020 hiphop

Pubblicato a sorpresa il 1 maggio 2020, Dark Lane Demo Tapes è il quinto mixtape di Drake. La raccolta vede la produzione di Oliver El-Khatib e i feat. di Future, Young Thug, Chris Brown, Playboi Carti e altri. Tra i brani, tutti immersi in una comfort zone fatta di ore notturne, solitudine e scazzo, condita da una buona dose di alcol, troviamo la trap hit sbanca classifiche Toosie Slide, ma anche la kanyewestiana When to Say When e la soulful Chicago Freestyle, anch’esse pubblicate in precedenza come singoli. In scaletta, sempre in zona West c’è il talking scazzato e la generale glassa elettrosoul di un pezzo come Deep Pockets, e sempre soul è il lento di turno con ospite Chris Brown, Not You Too. Automatismi e un poco di noia si registrano nei pezzi in coppia con Future, Desires soprattutto (del resto non era il massimo neppure la collaborazione di Drake sulla sua Life Is Good) ma anche in una solitaria Time Flies (che riempe la mancanza di barre con effetti vocali) e in From Florida With Love, che trascina il suo saccarina-mumbling per quasi 4 minuti. Mediano il pezzo freestyle a tre sempre con Future, a cui s’aggiunge Young Thug (D4L). Fa meglio ed è decisamente in zona Playboi Carti il pezzo in cui è lui stesso l’ospite di turno, Pain 1993. Tutto sommato valida anche la crudaiola Demons con Fivio Foreign e Sosa Geek. Un po’ di flow come si deve è garantito dalla conclusiva War. Chiamarli Dark Lane Demo Tapes, è un modo per dire che non abbiamo in mano un album di assi, ma materiale per ultra-fan.

A Drake la quarantena non ha fatto benissimo: lo scorso marzo, dopo aver sbancato la classifica singoli di Billboard, il rapper ha dovuto chiudersi in auto-isolamento dopo che alcuni giocatori NBA che aveva frequentato sono risultati positivi al Coronavirus. Durante il personale lockdown Drake ha girato il clip della sopracitata Toosie Slide, che mostra gli interni della sua “reggia di marmo”, e condiviso le prime foto del figlio Adonis avuto nel 2017 dalla (ex porno attrice e ora) pittrice Sophie Brussaux, la stessa a cui si riferiva Pusha T nella sua Infrared (con relativo filotto di battibecchi tra i due) e la stessa avvistata in Vaticano lo scorso anno.

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota

I più ascoltati