Bloom Innocent
Ott
25
2019

Fink

Bloom Innocent

Ninja Tune

CantautoriIndieElettronica
Precedente
Passages Quiroga - Passages
Successivo
Klippa Kloppa –  Liberty Klippa Kloppa - Klippa Kloppa – Liberty

Info

Dopo Resurgam del 2017, torna Fink con Bloom Innocent, pubblicato il 25 ottobre 2019 da Ninja Tune / R’COUP’D. Il disco viene presentato in cartella stampa come « un suono che sfida la forza di gravità,  sfiora il cielo e raggiunge le stelle di un uomo in missione: eccitarsi, sfuggire alle aspettative, liberarsi di tutti i successi precedenti. Otto tracce che brillano per il tocco di un pianoforte, una chitarra formicolante e la voce soul e legnosa di Fink, registrate nel suo studio berlinese con un alleato a sua disposizione a Londra: Flood».

Il noto produttore e artista inglese è stato fondamentale nella costruzione del disco. Come dichiara lo stesso Fink: «Flood è stato quello che ha portato l’intero progetto a compimento. Ha preso le parti, i groove che gli piacevano, mi ha rassicurato e ha trovato questo umore davvero etereo, dando al viaggio un’atmosfera strana e adorabile. Poi alla fine della traccia, quando ne hai bisogno, ottieni anche un piacevole contributo, solido e tradizionale con riferimenti agli anni Settanta uniti a dei cori cool».

Nel disco è presente anche Tomer Moked, suonatore di banjo e altri strumenti tradizionali marocchini come il kamancheh, cordofono iracheno simile alla lira bizantina. Il lavoro è stato affrontato approfondendo l’idea di studio come strumento: «Le qualità sonore si sono un pò perse in questi giorni», riflette Fink, «penso ai grandi dischi dei Pink Floyd o ai classici dischi dei Radiohead. Desidero ardentemente quel tempo, quell’attenzione ai dettagli, quel paesaggio sonoro. Non si tratta solo di chitarra, basso, batteria e tasti. Si tratta di creare un’atmosfera. Quindi abbiamo cercato di non utilizzare plug-in o cazzate per laptop. Ed ecco un motivo per cui ci sono otto tracce e non dieci. “Ed è perché volevamo che tutto andasse bene. Avevamo anche altre tracce ma non erano all’altezza e non si adattavano a questo mondo sonoro che stavamo cercando di creare».

Fink è un supporter di ‘Music Declares Emergency’, un’iniziativa dell’industria musicale inglese e in collaborazione con Ninja Tune, R’COUP’D si sta impegnando per rendere le sue pubblicazioni ecologicamente sostenibili e rigeneranti. L’album sarà presentato in due versioni fisiche. L’album in vinile è di colore bianco e alloggiato in un pacchetto pieghevole multi-pannello, interamente lavorato ad arte. Contiene anche una tessera per il download con semi di fiori selvatici e masterizzata in WAV a 24 bit, protetta da un involucro biodegradabile. La versione CD è anche presentata in una custodia bookpack interamente lavorata e protetta da una pellicola termoretraibile degradabile.

di Marco Braggion

Altre notizie suggerite