Chemical Flowers
Mag
17
2019

Helm

Chemical Flowers

PAN

Ambient
Precedente
Depth Sounding Simone Di Benedetto - Depth Sounding
Successivo
Memorie dal futuro Leda - Memorie dal futuro

Info

Torna Luke Younger su PAN, con la sua creatura Helm. Il nuovo disco del musicista di elettronica avant, che segue l’EP The Hollow Organ del 2014, l’album Olympic Mess, la partecipazione alla compilation-manifesto Mono No Aware del 2017 e l’EP World In Action del 2017, è stato registrato nella campagna inglese dell’Essex presso il NO studio e presenta atmosfere surreali mescolate a ambiguità psichedelico-elettroniche.

La cartella stampa descrive il lavoro – pubblicato il 17 maggio 2019 – come un «miscuglio di percussioni cupe, delay e field recording che vanno e vengono, mantenendo uno stato perpetuo di flusso sonoro», in linea con le ultime produzioni dell’artista: Leave Them All Behind viaggia su coordinate psichedeliche, I Knew You Would Respond evoca colonne sonore ambient, mentre Lizard in Fear utilizza armonie elettroacustiche. Il disco vede anche la partecipazione di JG Thirlwell (Foetus/Manorexia/Xordox), che ha arrangiato e suonato alcune parti per archi, Lucinda Chua al violoncello e Karl D’Silva al sax. Il mastering è a cura del producer di culto Rashad Becker, mentre l’artwork è di Johannes Schnatmann e Bill Kouligas, patron della label.

Il primi singoli disponibili per l’ascolto di seguito sono I Knew You Would Respond e Body Rushes. Del secondo brano l’artista ha dichiarato: «Body Rushes contiene alcuni dei primi suoni su cui ho lavorato per il disco e sebbene sia breve, ho impiegato quasi due anni per portarlo a termine. Sia il titolo che il pezzo sono ispirati dai momenti di confusione quando le formule chimiche reagiscono con il corpo, portando come risultato stati di euforia».

di Marco Braggion

Widget

Altre notizie suggerite