Rare Birds
Mar
02
2018

Jonathan Wilson

Rare Birds

Bella Union

Folk
Precedente
Freedom’s Goblin Ty Segall - Freedom’s Goblin
Successivo
The Blonde Album I’m Not A Blonde - The Blonde Album

Info

In uscita a marzo 2018 – e seguito di Fanfare, 2013 – Rare Birds è l’album che segna l’ambizioso e massimalistico ritorno del multi strumentista, turnista (per Roger Waters) producer (ha prodotto tra le altre cose Pure Comedy) e songwriter Jonathan Wilson. Le parole sono quelle della press release fornitaci da Bella Union che parla innanzitutto di un lavoro in cui hanno trovato posto sia personaggi sulla bocca di tutti come Father John Misty (ovvero l’autore del sopracitato album, anche nominato ai Grammy) e Lana Del Rey, ma anche Lucius e una leggenda dell’ambient e della new age come Laraaji.

Il minimo comun denominatore dell’album ruota attorno a «meditazioni sulla fine di un rapporto amoroso» e su ciò che si prova quando una storia finisce, tuttavia Wilson ha inteso il disco non come un concept bensì come «un affaire di cura e rinascita… …un bilanciamento tra i tumulti dell’anima e una musica volutamente calma e balsamica». Partendo dal personale per finire all’universale, il disco risponde alla liberatoria esigenza di un viaggio psichedelico attraverso i suoni «per incitare alla speranza e alla positività, all’abbandono e al perdono» «E’ tutto concentrato lì», sintetizza l’autore che, riguardo al massimalista, precisa: «sarà un disco che avrà più a che fare con la produzione britannica degli 80s, con Talk Talk e George Harrison, il primo Peter Gabriel e la Kate Bush “di mezzo” (ma in cui troverà posto anche la lezione di Arthur Russell) più che con roba da Laurel Canyon, Neil Young, Dennis Wilson e Tom Petty»

A far da apripista, il brano Over The Midnight accompagnato dalle animazioni digitali/virtuali/tridimensionali di Clara Luzian nel relativo videoclip. Una fusione a freddo tra il sacro e la sacralità dell’amore, raccontata da un Wilson in leggerezza agrodolce che qui recita le sue strofe preferite del lavoro («Il mondo brucia, ma non è meraviglioso? / Sussurrami all’orecchio e dimmi cosa vedi tra le fiamme») avvolto da un manto di elettronica compostezza fatta di atmosfere sognanti «dove nulla è selvaggio». Il 29 agosto viene condiviso il clip di Trafalgar Square.

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite