Album

Lambchop

Lambchop – Trip

13 Novembre 2020 cantautori

In uscita il 13 novembre 2020, Trip è un particolare album di cover dei Lampchop registrato a Nashville a dicembre del 2019 sotto la supervisione di Jeremy Ferguson. Il titolo fa riferimento al viaggio che è stato per la band registrarlo, al fatto che Kurt Wagner invece di imbarcarsi con il gruppo in quello che sarebbe stato un tour economicamente disastroso ha deciso di portarla nell’iconica città del Tennessee e retribuirla per quello che sarebbe stato un trip sonoro basato su versioni libere di brani altrui. E così è stato, per ogni differente giorno di registrazione a ciascun membro della band il frontman ha chiesto di scegliere il brano da suonare e condurre i compagni nella sua esecuzione, guidando di fatto la sessione di registrazione.

Le cover di TRIP non sono state scelte tanto per il loro contenuto o come tributo ai musicisti che le hanno composte, bensì per quello che il gruppo avrebbe potuto tirarci fuori registrandole. Penso che mostrino al meglio chi siamo come band e ciò che siamo in grado di esprimere come musicisti
Kurt Wagner

Prima anticipazione dal disco è il brano proposto da Matthew McCaughan, ovvero Reservations dei Wilco scritto da Jeff Tweedy per l’indimenticabile Yankee Hotel Foxtrot, nonché canzone posta a chiosa di quell’album. Dai 7 minuti e passa della versione originale, quella dei Lambchop aggiunge quasi sei minuti di musica. Trovate l’ascolto ai link di seguito, alla voce “ascolta”.

Confesso che Reservations è un pezzo di cui avrei sempre voluto fare una versione. Ma produrre una cover per me è un vero stress. Me lo dico da solo, trovo stupido stressarsi per cose del genere ma le canzoni si portano dietro ricordi che non voglio certo offuscare. Solitamente le scelgo sulla base di come la band le potrebbe interpretare. Poi ci ripenso e ripenso ancora, quale sarà il miglior approccio? Dovremmo onorare l’originale e tentare di ricrearne fedelmente le sonorità che hanno reso lo specifico brano speciale per me o dovremmo mettere questo da parte e ricominciare daccapo? A questo aggiungi che la cover una volta registrata è lì per sempre. Risultato: non c’è brano che non mi trovi indeciso tra queste due visioni. E finisce sempre allo stesso modo, in stallo. Così ho deciso di scegliere un pezzo che amo, che conosco ma che non ho messo in repeat per mesi in qualche momento della mia vita e che non è legato indissolubilmente a qualche ricordo personale.
Matthew McCaughan

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota
  • 1 1. Reservations (Jeff Tweedy) - chosen by Matthew McCaughan
  • 2 Where Grass Won't Grow (Earl "Peanut" Montgomery) - chosen by Paul Niehaus
  • 3 Shirley (Jamie Klimek and Jim Crook) - chosen by Matt Swanson
  • 4 Golden Lady (Stevie Wonder) - chosen by Andy Stack
  • 5 Love is Here and Now You're Gone (Brian Holland, Edward Holland and Lamont Dozier) - chosen by Tony Crow
  • 6 Weather Blues (James McNew) - chosen by Kurt Wagner

I più ascoltati