Gen
05
2013

Tomahawk

Oddfellows

Ipecac Recordings

RockCrossover
Precedente
Wretched and Divine: The Story of the Wild Ones Black Veil Brides - Wretched and Divine: The Story of the Wild Ones
Successivo
Nude The Irrepressibles - Nude

Info

Mentre Anonymous, di sei anni fa, era un progetto unico nel suo genere, il quarto lavoro dei Tomahawk segna il loro ritorno al rock, oltre che ritorno tout court. I nomi, sappiamo, sono pesanti, e nonostante questo i quattro (Mike Patton, Duane Denison, Trevor Dunn e John Stanier) si dimostrano più della semplice somma delle loro pur nobili parti. Anche in caso contrario ci si potrebbe quasi accontentare lo stesso.

La cosa più curiosa di Oddfellows è che ad aprire il disco siano i due brani più “derivativi”, e si tratta nonostante tutto di due pezzi tutt’altro che trascurabili: mentre il singolo Stone Letter riprende i tardi Faith No More (una nuova Digging The Grave?), le figure chitarristiche della title-track sono un distillato di puro suono Jesus Lizard.Per imprevedibilità, l’indice di gradimento all’ascolto propende invece verso White Hats/Black HatsA Thousand Eyes (quasi dei Bad Seeds virati post-rock) e Rise Up Dirty Waters, dove il quartetto passa disinvoltamente dal jazz al coretto in stile Alice In Chains (sic!!!) a una sgroppata alla No Means No.

Pollice su anche per l’anfetaminico rock/metal dal retrogusto blues di The Quiet Few (la slide di Duane Denison è inconfondibile) e South Paw, e per il bluesaccio vero e proprio di Choke Neck. Non sono molte le band che sanno suonare rock d’assalto con questa tecnica, unendo la passione per le atmosfere morbose e il gusto per la virata spiazzante. Anche se si tratta forse del progetto più “quadrato” di Patton, su imprevedibilità e stranezze i Tomahawk calcano – come ci si aspetterebbe – la mano, senza per questo rendere il gioco fine a se stesso. Una fortuna (e un merito). Il 2013 inizia nel verso giusto.

di editore

Altre notizie suggerite