Punisher
Giu
19
2020

Phoebe Bridgers

Punisher

Dead Oceans

PopCantautoriRockIndie
Precedente
Natural Charge / Crack Bong RMX Loefah - Natural Charge / Crack Bong RMX
Successivo
Fools’ Harp Vol. 1 Fools - Fools’ Harp Vol. 1

Info

In uscita il 19 giugno 2020, Punisher è il secondo album della cantautrice californiana Phoebe Bridgers e arriva a tre anni di distanza dall’esordio con Stranger in the Alps e alcune importanti collaborazioni come quelle con Matt Berninger dei The National e Conor Oberst per il bellissimo esordio a due voci con i Better Oblivion Community Center.

Per le undici tracce di Punisher, scritto e registrato tra l’estate del 2018 e l’autunno del 2019, la musicista ha potuto contare sul supporto di Tony Berg ed Ethan Gruska, in veste di coproduttore, mentre nel disco hanno suonato numerosi amici e colleghi: dal batterista Marshall Vore al chitarrista Harrison Whitford, da Conor Oberst a Lucy Dacus, da Julien Baker a Nathaniel Walcott di Bright Eyes, che suona i fiati in due brani.

Ad anticipare l’uscita dell’album il singolo Kyoto, scritto dopo il viaggio della Bridgers in Giappone nel febbraio 2019: «Questa canzone parla della sindrome dell’impostore, a proposito del trovarmi in Giappone per la prima volta, un luogo in cui ho sempre voluto andare, e del poter suonare la mia musica per le persone che volevano ascoltarla, ma avendo la sensazione di vivere la vita di qualcun altro». La Bridgers ha poi aggiunto: «vivo una sorta di dissociazione quando mi succedono cose brutte, ma la vivo anche quando accadono cose buone. Inizialmente ho scritto questo pezzo come se fosse una ballata, ma a quel punto ero così stanca di registrare canzoni lente che si è trasformato in questo».

Potete ascoltare il brano in questione, assieme agli altri due estratti I See You e Kyoto, nel widget Spotify.

di Beatrice Pagni

Widget

Altre notizie suggerite