Signals Into Space
Gen
01
2019

Ultramarine

Signals Into Space

Les Disques du Crepuscule

Elettronica
Precedente
Tip Of The Sphere Cass McCombs - Tip Of The Sphere
Successivo
Concerto per chitarra solitaria (dove un viaggio in acque placide diventa naufragio) Bruno Dorella - Concerto per chitarra solitaria (dove un viaggio in acque placide diventa naufragio)

Info

Pubblicato il 1 gennaio 2019 via Les Disques Du Crépuscule, signals into space è il disco che segna il ritorno degli Ultramarine – Paul Hammond and Ian Cooper – a distanza di un lustro da This Time Last Year, disco quest’ultimo che aveva siglato il ritorno della coppia (ferma dai tempi di A User’s Guide del 1998). La cifra stilistica della formazione, spesso ricondotta sotto la fuorviante sigla di pastoral techno, è un misto di atmosfere lounge, ambient jazz e space funk impressionista lavorato con elettronica, misurati effetti e strumenti acustici. In questa prova quattro delle 12 tracce si avvalgono della voce di Anna Virginia Taylor Delory ovvero Anna Domino, le cui produzioni leftfield pop risalgono agli anni 80 sempre su Les Disques Du Crépuscule. Il sassofonista Iain Ballamy (ECM, Food, Loose Tubes) compare nella traccia Sleight Of Hand mentre le parti di vibrafono sono state affidate a Ric Elsworth.

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite