La Guerra Di Domani
Feb
05
2016

Sorge

La Guerra Di Domani

La Tempesta Dischi

CantautoriRockElettronica
array(0) { }
  • Hancock 96
  • Nuccini
  • Il Cerchio
  • Bar Destino
  • Vera In Cucina
  • Accetto Tutto
  • Non Facciamo Ciò Che Siamo
  • La Spiaggia
  • In Famiglia
  • Quello che Ho Perso
  •  
  •  
Precedente
Black Mountain IV Black Mountain - Black Mountain IV
Successivo
Raise Brothers In Law - Raise

Info

In uscita il 5 febbraio 2016 via La Tempesta Dischi, La Guerra Di Domani è l’album di debutto di Sorge, progetto di Emidio Clementi dei Massimo Volume e Marco Caldera, e diviso tra musica elettronica, voce e pianoforte. L’annuncio del disco è stato accompagnato da un lungo scritto di Clementi, che racconta la genesi della nuova avventura:

«Qualche tempo fa ho ricevuto in regalo il vecchio piano verticale che ingombrava il soggiorno della nonna di mia moglie. L’ho fatto restaurare, l’ho piazzato in studio e per più di un anno sono rimasto a guardarlo, senza osare metterci le mani sopra. Quando finalmente ho iniziato a prendere lezioni, Bruno, il mio giovane insegnante, s’è stupito di quanta soggezione avessi dello strumento, non mi spingevo mai oltre la corretta esecuzione di un esercizio. “Cosa te ne importa di sbagliare? Osa, metti le dita dove non dovresti metterle. Sei o no un musicista?”. Quelle parole sono state il mio piccolo satori. Di colpo ho preso a considerare il piano per quello che è, una possibilità espressiva.

Ho cominciato allora a registrare semplici linee melodiche e a girarle a Marco, il quale si è impegnato ad arricchirle, a dargli una struttura, un ritmo, creando un paesaggio su cui poi sono nati i testi. E’ stato in quel periodo che, leggendo una vecchia rivista di storia, mi sono imbattuto in Richard Sorge, la spia sovietica impiccata dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale. Più che la scaltrezza e il coraggio, di Sorge mi ha colpito la capacità quasi sovrumana di interpretare fino alla morte il ruolo a lui più odioso, quello del nemico nazista. I pezzi scritti non parlano di lui, ma è come se si muovessero nell’ombra tracciata dalla sua vicenda umana, in quella faglia tra ciò che si è e ciò che la vita ci conduce a essere».

di Daniele Rigoli

Altre notizie suggerite