The Peyote Dance
mag
31
2019

Soundwalk Collective, Patti Smith

The Peyote Dance

Bella Union

RockArt
array(0) { }
  • Una Nota Sobre El Peyote (feat. Gae...
  • Indian Culture
  • Tutuguri: The Rite Of The Black Sun
  • Tutuguri: The Rite Of Black Night
  • The New Revelations Of Being
  • Alienation And Black Magic
  • Ivry
  • Basalówala Aminá Ralámuli Paísi...
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente
A New Illusion Rose Elinor Dougall - A New Illusion
Successivo
Here Comes the Cowboy Mac DeMarco - Here Comes the Cowboy

Info

Dopo una rivisitazione dei brani di Nico risalente al 2016, i Soundwalk Collective (trio composto da Stephan Crasneanscki, Simone Merli e Kamran Sadegh) tornano a collaborare con Patti Smith. Il nuovo album si intitola The Peyote Dance e viene pubblicato il 31 maggio 2019 su Bella Union. Il disco prende spunto dall’omonimo libro di Antonin Artaud ispirato dalle esperienze mistiche che lo scrittore e drammaturgo ha vissuto assieme alla tribù messicana degli Rarámuri nel 1936. Il lavoro rappresenta inoltre il primo passo di una trilogia intitolata The Perfect Vision con i due prossimi capitoli, già pianificati, dedicati rispettivamente a Arthur Rimbaud e René Daumal; a ciascuna parte del trittico è stata associata una registrazione site specific: Sierra Tarahumara in Messico per Artaud, le valli dell’Abissinia in Etiopia per Rimbaud e le cime dell’Himalaya in India per Daumal.

The Peyote Dance fa riferimento al viaggio compiuto da Artaud nel 1936: nell’estate di quell’anno il poeta viaggiò in treno lungo la regione del Chihuahua accompagnato da una guida mestizo (ricordata nella prima traccia del disco) e diretto verso le montagne Tarahumara. Lì conobbe la tribù dei nativi Rarámuri e uno sciamano che avrebbe potuto guarirlo dalla dipendenza da oppio. I suoni del disco sono stati registrati direttamente seguendo le tracce del poeta, con il collettivo a utilizzare e farsi ispirare da una molteplicità di oggetti e strumenti, come pietre, terra e persino gli strumenti originali (violini e percussioni) appartenuti alla tribù che lo aveva ospitato. Il tutto è stato infine confezionato con gli spoken word della Smith, che ha recitato brani e poesie dello scrittore nel suo tipico stile.

Su SA potete leggere, oltre che le recensioni, anche un’intervista d’archivio al gruppo a cura di Fabrizio Zampighi. Di seguito, l’ascolto dei primi due brani, The New Revelations Of Being e Ivy.

di Marco Braggion

Widget

Altre notizie suggerite