Album

Surgeon Girls

Surgeons Girl – A Violet Sleep EP

27 Novembre 2020 house elettronica
Array

Continua l’inarrestabile annata, perlomeno in termini quantitativi, della Livity Sound, che nel mese di novembre aggiunge un altro tassello ad un 2020 ad alta densità di pubblicazioni. A Violet Sleep è l’EP di debutto della bristoliana Surgeons Girl, ed è a mani basse il lavoro più easy listening mai pubblicato da Livity. Certo, nell’ultimo anno ci sono state virate in parte inaspettate – i beat ambientali di Leif, le immersioni dub techno di Lack e Ido Plumes – ma questa è la prima volta in cui l’etichetta di Bristol si spinge davvero al di fuori del proprio recinto. Addio ritmi tribaleggianti e austerità techno, benvenuti impressionismi synthetici e melodie stuzzicanti. Per inquadrare le coordinate di questo EP, basti pensare che la press release si riallaccia all’operato di maghe della sintesi come Suzanne Ciani, Laurel Halo e Kaitlyn Aurelia Smith.

Eppure, se non si può non apprezzare l’arditezza di una tale operazione, dobbiamo tuttavia constatare i limiti dei quattro brani proposti. In tutti i casi si ha a che fare con tracce dalle ottime potenzialità ma non sviluppate abbastanza e dal carattere non particolarmente forte. Clouded Temper | Small Steps si dipana in sette minuti di vocalizzi fra Colleen e la sopraccitata Laurel Halo, e melodie che richiamano i Visible Cloak e Floating Points; il potenziale c’è tutto, ma la seconda parte non soddisfa le aspettative create nei minuti precedenti. Intimate Advance riprende le stesse atmosfere ma con un beat in crescendo; siamo dalle parti dei primi anni ’10 e della convergenza fra ritmi post dubstep e sensibilità pop nelle melodie con svolazzi a là Bedroom Community. La formula è quella giusta, ma al contrario della traccia precedente, finisce troppo in fretta senza potersi sviluppare adeguatamente. L’anima più danzereccia dell’ep emerge in Rescind e nella sua combo di cassa dritta, piattini avvolgenti, melodia e riff azzeccatissimi (venogno alla mente il miglior Leon Vynehall, ma anche Jon Hopkins): peccato che il tutto duri meno di tre minuti, stroncando le possibilità di un anthem per la prossima stagione del clubbing. In chiusura troviamo Sympathetic Cycle: un beat nuovamente rarefatto a chiudere il cerchio riallacciandosi con la prima traccia, senza troppi sussulti.

Pur non lasciando particolarmente il segno, A Violet Sleep va lodato per l’impressionismo solipsista che si distacca dal Livity-continuum e pone buone basi per sviluppi futuri.

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota

I più ascoltati