Album

Xiu Xiu

Xiu Xiu – Oh No

26 Marzo 2021 art indie wave
Array

Gli Xiu Xiu annunciano OH NO, una raccolta di duetti in uscita il 26 marzo 2021 su Polyvinyl che a giudicare dal primo singolo estratto assume una piega piuttosto pop. A Bottle Of Rum, il brano in questione, vede Jamie Stewart duettare con Liz Harris (Grouper) su una base power pop ricca di elementi country, dream e wave. Il risultato è straniante, come da marchio di fabbrica del duo, eppure dolce e onirico; coi dovuti distinguo, la versione Xiu Xiu della trilogia del coniglio degli Swans o, ancora meglio, la terra di mezzo tra Michael Gira, Love Will Tear Us Apart e il dream pop.

Circa un anno fa ho comprato un bajo quinto, uno strumento messicano simile a una chitarra a 10 corde dal registro basso utilizzato per generi musicali quali il Tejano, il Conjunto o il Norteño. Avendolo pagato poco, solo alcuni accordi suonano bene. Uno di questi, fastidiosamente, è il classico accordo aperto in Re maggiore. Quando abbiamo fondato gli Xiu Xiu con Cory McCulloch abbiamo concordato varie regole per la band. Una di queste era che non avremmo mai potuto usare questo accordo. Negli ultimi anni cercare di infrangere alcune di queste regole è diventato un gioco creativo per me, pur continuando a rispettare il fatto che Cory avesse ottime ragioni per imporle: ad esempio il Re maggiore risulta in effetti un accordo abbastanza noioso… e poi aggiunge: “Avevo provato a scrivere una canzone su questo bajo quinto senza alcun risultato e poi ubriaco (da lì A Bottle of Rum) ho ascoltato la canzone di Grouper “Heavy Water/I’d Rather Be Sleeping ” ed ho avuto un’illuminazione. Timidamente ho provato a comporre qualcosa che, almeno all’inizio, suonasse un po’ come la sua. Avevo già chiesto a Liz Harris, che è una vecchia amica, se avesse voluto cantare in questo nuovo disco di duetti. Inizialmente avevo pensato a lei per un’altra canzone ma poi proprio lei ha chiesto di cantare su questa, senza nemmeno sapere di esserne stata l’ispiratrice. Se questo non è un segno…
Jamie Stewart

OH NO nasce da un periodo difficile per il frontman, a cui è seguita una rinascita che ha trovato nell’amicizia il suo cardine. Da lì l’album dei duetti con, oltre alla Harris, ospiti quali Sharon Van Etten, Chelsea Wolfe, Alice Bag, Haley Fohr (Circuit des Yeux), Owen Pallett, Twin Shadow, Fabrizio Modonese Palumbo (Larsen) e altri ancora.

Gli ospiti di OH NO riflettono i tipi di persone, e molte delle stesse, che mi hanno aiutato a ricordarmi che il rapporto tra gli esseri umani belli e quelli di merda è più simile ad un 60/40 piuttosto che ad un 1 su 99, come avevo sempre pensato. Anche se sulla tracolla della mia chitarra ho una spilla con su scritto ‘ODIO LA GENTE’, adesso la odio un po’ meno
Jamie Stewart

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota
  • 1 Sad Mezcalita (Sharon Van Etten)
  • 2 I Cannot Resist (Deb Demure / Drab Majesty)
  • 3 The Grifters (Haley Fohr / Circuit des Yeux)
  • 4 Goodbye For Good (Greg Saunier / Deerhoof)
  • 5 OH NO (Susanne Sachsse)
  • 6 Rumpus Room (Angus Andrew / Liars)
  • 7 Fuzz Gong Fight (Angela Seo / Xiu Xiu)
  • 8 I Dream of Someone Else Entirely (Owen Pallett)
  • 9 One Hundred Years (Chelsea Wolfe) [The Cure cover]
  • 10 A Classic Screw (Fabrizio Modonese Palumbo / Larsen)
  • 11 It Bothers Me All the Time (Jonathan Meiburg / Shearwater)
  • 12 Saint Dymphna (George Lewis Jr. / Twin Shadow)
  • 13 Knock Out (Alice Bag)
  • 14 A Bottle of Rum (Liz Harris)
  • 15 ANTS (Valerie Diaz)

I più ascoltati