Goth pop orchestra

È un Wesley Eisold diverso, più maturo (ma verrebbe da dire più sgamato), quello che abbiamo contattato in occasione dell’uscita del nuovo album Cherish The Light Years. Solo un paio di anni fa, il trentaduenne agitatore culturale della New York più underground, era un ex punk prestato all’elettronica DIY; con i Cold Cave si ispirava ai primi, minimali esperimenti synth pop, mentre la sua misantropia andava di pari passo ad un suono algido e alieno. Oggi i Cold Cave sembrano ben più di uno dei tanti progetti estemporanei. L’uscita dell’album ha coinciso con una voglia di assaporare il responso di nuove platee e di lasciarsi andare ai riti del pop, senza tuttavia tradire l’impronta artsy originaria.

Mi sembra evidente che siano cambiate parecchie cose rispetto a Love Comes Close, in cui bassa fedeltà e minimalismo digitale rappresentavano i segni distintivi del vostro sound. Cos’è successo in questi due anni?

Diciamo che gli aspetti che hai elencato per me erano importanti, ma il motivo era che non c’era altra scelta. Prima di allora non avevo mai scritto e registrato musica. Naturalmente apprezzo il minimalismo e penso che il lo-fi si adatti particolarmente a certe situazioni musicali. Le canzoni che ho scritto per quest’album, però, non avrebbero funzionato con quel tipo di sonorità; quando le ho scritte le immaginavo anthemiche e grandiose. La differenza è che il tempo è passato e non avevo intenzione di rimanere fermo al suono dell’album precedente.

Dunque si è trattato di una naturale maturazione musicale?

Beh, avendo preso confidenza con tutto il mio equipaggiamento, è stato naturale iniziare a scrivere canzoni più strutturate. Quello che volevo fare era un disco pop che però suonasse ancora chiaramente Cold Cave. Sono molto contento del risultato. Ci sono voluti due anni per realizzarlo e sicuramente viaggiare nei quartieri in cui sono nato ha contribuito a darmi l’ispirazione giusta.

The Great Pan Is Dead , il singolo che ha anticipato l’album, ha un approccio rock molto potente. Mi pare che nella tua musica ora ci sia più fisicità e più partecipazione emotiva rispetto a prima.

È vero, anche se tutto sommato quella canzone è un’eccezione all’interno dell’album. Per come la vedo io, c’è sempre stata emotività nella mia musica ma forse ora è venuta allo scoperto. Volevo che quella canzone fungesse da cerniera fra quello che ho fatto in passato e quello che sta per accadere. Essendo poi il primo estratto dall’album, volevo che fosse chiaro che le cose sono cambiate rispetto al passato.

Il tuo modo di cantare, in alcuni brani del disco mi ricorda quello di Phil Oakey degli Human League. Quanto sono state importanti per te band le electro pop band degli anni 80, come gli stessi League o i New Order?

Certamente quelle band per me sono importanti, ma non più di altre. Da Gary Numan agli Absolute Body Control, fino ai Sisters Of Mercy, sono cresciuto con questa musica ed è quella che ascolto ancora oggi. Tornando al discorso della voce, la musica elettronica, soprattutto quella dalle sonorità più fredde, ha sempre avuto parti vocali impassibili. Bisogna però essere molto naturali per suonare credibili.

Gli artisti che hai citato hanno portato una buona dose di sperimentazione nella pop music dell’epoca. Pensi che sia una cosa che può essere fatta anche oggi?

In verità non sono interessato a qualcosa di simile. Sono più interessato a fare musica in cui credo, mantenendo una certa onestà intellettuale. Non so se ci sia spazio per questo. Personalmente sono attratto dagli aspetti più sperimentali della musica popolare. In fondo mi piace il conforto della familiarità ma adoro godere degli errori umani.

Per essere un artista che fa un ampio utilizzo di tecnologia nuova e vintage, so che hai sempre avuto opinioni piuttosto negative sul modo in cui questa influenza l’uomo.

Quello che penso è che facciamo affidamento sulla tecnologia per esprimere quello che non si può dire o che non ci sentiamo sicuri di dire con quelle cose apparentemente insignificanti che sono il nostro cuore e il nostro cervello. In musica, ad esempio, non potremo mai fare a meno di sintetizzatori e chitarre.

I Cold Cave sono un frutto della scena DIY newyorkese. Hai mai sentito di avere qualcosa in comune con quegli artisti?

A New York ci sono band interessanti ovunque, ma non sono sicuro di avere qualcosa in comune con qualcuna di esse. In generale non mi sento ispirato da band che hanno un suono simile al mio. Preferisco ispirarmi alla gente in cui credo, indipendentemente da quale sia il mezzo con cui scelgono di esprimersi.

Per cui non ci sono artisti che ammiri o con cui ti piacerebbe collaborare?

Si, ma in questo momento sono più attento ad altre forme di espressione artistica, come certo design d’avanguardia per l’abbigliamento. In particolare c’è un designer italiano a cui sono molto legato, si chiama Maurizio Amadei.

So che avete un programma serrato di date per promuovere l’album, vi troverete anche di fronte alle grandi platee dei festival estivi. E’ corretto dire che le performance live stanno diventando importanti per voi?

Si, è così. Saremo in tour dalla fine di Marzo fino, almeno, a Settembre. È un ottimo momento, dopo molto tempo mi sento pronto ad uscire da New York. Per me, poi, non è mai stato un problema di piccole o grandi platee. Ho avuto esperienze positive e negative in entrambe le situazioni.

Immagino che sul palco, questa volta, ci sarà una vera e propria band. Alla luce di questo consideri sempre I Cold Cave come un tuo progetto solista?

Continuo a scrivere e dirigere la band in prima persona. Poi, naturalmente, ci sono amici che suonano insieme a me, ma in generale l’input esterno è molto ridotto. L’intenzione, dal vivo, è di sembrare di più una band tradizionale. Fino all’anno scorso eravamo io, Dominick Fernow, Jennifer Clavin e un batterista. Ora abbiamo anche un chitarrista. L’aspetto visuale in realtà è cambiato molte volte da quando la band ha cominciato a suonare dal vivo.

So che non ti occupi solo di musica, ci sono altri progetti in cui sei coinvolto al momento?

Sto lavorando su alcuni libri ma i Cold Cave occupano la maggior parte del mio tempo. È la cosa che preferisco fare in questo momento.

Questo significa che stanno diventando una specie di lavoro per te?

Li considero più una scelta estetica, non un progetto o un lavoro. Meglio dire uno stile di vita.

Cosa dobbiamo aspettarci dai Cold Cave nell’imminente futuro?

Come dicevo saremo parecchio in tour nei prossimi mesi. Sto anche scrivendo e registrando nuovo materiale, in generale sto cercando di migliorare quello che ho fatto fino ad ora. Aspiro ad essere un esempio per le persone a cui è stato detto che non sono in grado di fare quello che desiderano. Il tempo che abbiamo è troppo prezioso per essere sprecato.

24 Aprile 2011
24 Aprile 2011
Leggi tutto
Precedente
From North (East) Frankie & The Heartstrings - From North (East)
Successivo
Ombre cinesi Zhang Yuan - Ombre cinesi

recensione

recensione

recensione

concerto

news

artista

Altre notizie suggerite