Hype Williams (UK)

Biografia

Con un nome rubato a uno storico videomaker della hip hop culture, gli Hype Williams sono il londinese Roy/Dean Blunt e Inga Copeland (vero nome Aliina Astrova, nata in Russia). I due si conoscono a Londra e diventano compagni di vita e di musica. A partire dal 2009, muovendosi tra la capitale inglese e Berlino, pubblicano singoli, mix per magazine influenti (Fact Mix 216, 2010) ed EP su formati hip (vinile, cd-r, cassetta) e in tiratura limitata (anche solo 50 pezzi fisici), costruendosi un profilo elusivo – si sa pochissimo di loro – e molto chiacchierato, incentrato su un immaginario strapazzatissimo e drogatissimo (un po’ squat, un po’ No Wave, un po’ Royal Trux), con uscite no-boutade come “l’erba è cibo primario” e “questo disco [One Nation, 2011] lo abbiamo registrato dopo aver assunto pillole in quantità”.

Vicini all’estetica e al suono della compagine glo-fi/chillwave/hypnagogic/hauntology di artisti come Ariel PinkJames Ferraro (loro compagno di scuderia su Hippos In Tanks), Washed Out e Matrix Metals, Dean e Inga costruiscono brani che sono bozzetti imperfetti, brandelli di canzoni e di produzioni, sempre in bilico tra il fascinoso-allusivo e lo scazzato-e-basta, basati su pochi spartani elementi: tastierine analogiche lì lì per spegnersi (“io non so usarlo il computer e Inga non c’ha la pazienza per mettercisi”), echi dub di fortuna, ritmi sconnessi, delay.

I due mettono da parte il moniker (“non lo sappiamo chi è Hype Williams”) e pubblicano il loro debutto sulla lunga distanza a nome proprio sulla Hyperdub di Kode 9: Black is Beautiful, uno dei dischi più interessanti, ma anche più sottovalutati (presente in pochissime classifiche di fine anno), del 2012.

L’anno successivo i due licenziano materiale separatamente: Blunt pubblica il break-up album The Redeemer, una produzione congiunta tra Hippos In Tanks e World Music (dove Inga è comunque presente nella title track), mentre la Copeland esce sulla seconda delle due label con un 12” intitolato emblematicamente Don’t Look Back, That’s Not Where You’re Going e con un secondo lavoro per All Bone con John T. Gast intitolato UKMerge/Strict. Il 12 agosto, tramite una comunicazione sul canale Soundcloud legato al progetto “cplnd”, e uno snippet intitolato Advise For Young Girls With Daddy Isssues, i due dichiarano di non essere più affiliati ad Hype Williams ma che la ragione sociale continuerà a vivere. Nel comunicato, si consiglia di guardare altrove per avere nuove notizie riguardo a futuro materiale di quest’ultima. Nell’aprile del 2014, esce, autoprodotto, Because I’m Worth It, esordio sulla lunga distanza a nome Copeland, disco che vede la collaborazione di Actress proprio nella sopracitata traccia, inclusa nella tracklist.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite