Feb
04
2016
Guarda il trailer

Quentin Tarantino

The Hateful Eight

USA
drammatico

Trama

L’universo apocalittico dell’ottava “fatica” del più grande regista del postmoderno, arriva nelle sale italiane la prossima stagione. "The Hateful Eight", pellicola rigorosamente girata in formato super70mm, nulla ha a che fare con quella che sappiamo essere una viscerale ammirazione di Quentin Tarantino per il B-movie exploitation, a giudicare dal tripudio di effetti speciali, dalle frenetiche sequenze d’azione e dalle atmosfere da baraonda visiva e sonora. Il genere che più di ogni altro ossessiona il regista, come in "Django Unchained", è il western. La coerenza stilistica di "The Hateful Eight" con quest’ultimo, tra violenza, dialoghi surreali e virate grottesche, è sì l’ennesimo omaggio di Tarantino ai suoi miti (Enzo Castellari, Sergio Leone, Lucio Fulci, per citarne alcuni) ma rischia anche di “abituare” lo spettatore. Forse il regista ha in mente una sorta di nuova trilogia del dollaro? In "The Hateful Eight" gli scenari innevati del Colorado, i bounty killer, le pistole semiautomatiche Mauser C96, i banditi e le diligenze, rievocano fortemente i classici del western made in Italy come "Il grande silenzio", film del ’68 girato da Sergio Corbucci. A rendere ufficiale la notizia dell’uscita del film è lo stesso Tarantino durante l’ultima edizione del Comic-con (fiera del fumetto) di San Diego, dove peraltro ha anche annunciato che la composizione della soundtrack porta la firma di Ennio Morricone.

di Giuseppe Scarfò

Altre notizie suggerite