Eric Burdon (The Animals): «Trump ha usato la nostra “House Of The Rising Sun”? Perfetta per uno come lui»

Eric Burdon degli Animals ironico su Trump che gli ha "rubato" una canzone.

Eric Burdon, il leader e fondatore degli Animals, ha parlato di Trump e dell’uso che l’attuale presidente USA ha fatto del brano della storica band britannica House Of The Rising Sun in occasione della sua recente visita a Wilmington, in Nord Carolina, dove – riporta il New Musical Express – la canzone è stata fatta trasmettere dagli altoparlanti dell’aeroporto mentre il boeing presidenziale Air Force One stava toccando terra.

In un post su Instagram il cantante e compositore – 80 da compiere il prossimo maggio – ha affermato: «Anche se nessuno mi ha chiesto il permesso, non sono rimasto sorpreso dal fatto che Trump l’altro giorno abbia utilizzato la canzone. Del resto, una storia sul peccato e sulla miseria umana ambientata in un bordello calza alla perfezione su uno come lui. Più appropriata non poteva essere, per un momento storico come questo». Burdon ha poi concluso il messaggio – corredato dalla sua foto con mascherina d’ordinanza – con la sua dichiarazione di sostegno al candidato avversario di Trump alle prossime elezioni presidenziali, Joe Biden:

House Of The Rising Sun fu pubblicata dalla disciolta formazione di Newcastle nel 1964 all’interno dell’album di debutto Animals, del quale era opening track. In realtà non si trattava di una canzone originale ma della rivisitazione di un brano folk della tradizione popolare ad opera di autore sconosciuto, e quindi fatta propria – come spesso avviene in questi casi – senza dover corrispondere alcuna royalty. Pertanto – passateci la battuta – chi la fa l’aspetti.

Tracklist