Dai Beatles al ritorno degli anni ’90. Le novità di febbraio su Netflix

Netflix è ormai un punto di riferimento per l’intrattenimento con un’offerta di serie tv, film e documentari che diventa sempre più ampia. Per aiutarvi a rimanere aggiornati sulle nuove uscite e indirizzarvi nella difficile scelta del prodotto con cui passare la serata, vi segnaleremo ogni mese le novità disponibili sulla piattaforma di streaming.

Serie TV

Altered Carbon (Stagione 1, dal 2 febbraio 2018)

Ancora sci-fi, trame distopiche e interrogativi sul futuro dell’umanità protagonisti su Netflix, dopo l’arrivo, lo scorso gennaio, della quarta stagione di Black Mirror (analizzata sulle nostre pagine di Davide Cantire). Questa volta è ora di concentrarci su Altered Carbon, serie creata da Laeta Kalogridis e basata sul romanzo cyberpunk Bay City (Altered Carbon) di Richard K. Morgan. Le vicende sono ambientate nell’anno 2384, quando l’identità umana può essere immagazzinata su un supporto digitale trasferibile da un corpo all’altro, permettendo agli esseri umani di sopravvivere alla morte fisica facendo in modo che i loro ricordi e la loro coscienza siano inseriti in nuovi corpi.

Coach Snoop (Stagione 1, dal 2 febbraio)

Per gli amanti dell’hip-hop e del football americano, ecco Coach Snoop, serie tv, già diffusa da AOL nel 2016, a metà tra fiction e documentario. Protagonista nientemeno che Snoop Dogg nei panni del creatore di una lega giovanile di football, per tenere i ragazzi a rischio devianza lontani dalla strada e concentrati sui loro obiettivi.

Queer Eye For The Straight Guy (Stagione 1, febbraio 2018)

In Italia l’abbiamo conosciuta con la rivisitazione intitolata I Fantastici Cinque, trasmessa su La7 dal 2003 al 2004; ora Netflix ce la offre nel reboot della versione originale. Parliamo di Queer Eye For The Straight Guy, serie creata e prodotta David Collins e Michael Williams, e incentrata sulle sorti di cinque ragazzi omosessuali impegnati a trasformare il look di un individuo etero che chiede il loro aiuto in occasione di un evento importante. La nuova stagione riprende le ambientazioni delle precedenti cinque ma coinvolge nuovi attori protagonisti.

Everything Sucks! (Stagione 1, 16 febbraio)

Scordatevi la “retromania” anni Ottanta di Stranger Things o di Dark, per immergervi nei 90s con un altro teen drama. La serie, creata da Ben York Jones e Michael Mohan e ambientata nel 1996 nella cittadina di Boring, Oregon, racconta la storia degli studenti della Boring High School, del club scolastico A/V Club e del club teatrale, due gruppi di outsider nerd che uniscono le forze per realizzare un film e passare più serenamente quel purgatorio che è la scuola superiore. Nel cast ci sono Peyton Kennedy e Jahi Winston nei panni degli studenti Kate Messner e Luke O’Neil, mentre Patch Darragh e Claudine Nako interpretano i genitori dei ragazzi.

Marseille (Seconda stagione, 23 febbraio)

Arriva la seconda stagione dello show creato da Dan Franck con protagonista Gérard Depardieu nel ruolo di Robert Taro. Dopo essere stato sindaco di Marsiglia per vent’anni, si prepara a lasciare il proprio incarico dopo aver indicato il suo delfino, Lucas Barres, come suo successore. Prima di andarsene però vuole portare a termine l’iter per l’avvio dei lavori di riqualificazione e rilancio del porto della città, che prevedono la costruzione di un grande e moderno casinò che diventerebbe la sua eredità per la città.

Seven Seconds (Stagione 1, 23 febbraio 2018)

La storia è ambientata in una società divisa da tensioni razziali, titoli dei giornali a effetto e un pubblico che preferisce essere intrattenuto piuttosto che essere informato. Sette secondi, in questa realtà, possono significare la differenza tra vita e morte. I cittadini afro-americani di Jersey City sono in conflitto con i poliziotti caucasici, dopo che un ragazzo è stato ferito da un membro delle forze dell’ordine.

 

Film

The Ritual (9 febbraio)

Presentato al Toronto Film Festival e ispirato all’omonimo romanzo di August Derleth, il film horror è diretto da David Bruckner, già alla regia di V/H/S. La pellicola segue la storia di un vecchio gruppo di compagni dell’università che, dopo la morte di uno di loro, decidono di partire per un viaggio nel cuore della natura scandinava. Presto, però, perdono l’orientamento e si ritrovano nelle foreste infestate da creature mitologiche.

On Body And Soul (21 febbraio)

Scritto e diretto da Ildiko Enyedi, il film è il candidato ungherese in concorso all’Oscar come Miglior film Straniero. Si tratta di una storia d’amore, ambientata in un macello di Budapest, tra un uomo e una donna che scoprono di condividere lo stesso sogno ogni notte e cercano di ricrearlo alla piena luce del giorno.

 

Documentari

Seeing Allred (9 febbraio)

Nel periodo del caos sulle molestie sessuali, partite dal caso Weinstein, il documentario biografico – diretto da Sophie Sartain (Mimi and Dona, 2015) – racconta l’esperienza di Gloria Allred, avvocato di Los Angeles specializzata in diritti civili e nelle discriminazioni di genere, e che ha vinto cause contro Bill Cosby e Donald Trump.

78/52 (1 febbraio)

Alexander O.Philippe è pronto a catturare occhi e animi dei cinefili raccontando, tramite le voci di esperti e cineasti, le 78 posizioni della macchina da presa e i 52 tagli usati da Hitchcock per la leggendaria scena della doccia di Psycho.

How The Beatles Changes The World (1 febbraio)

Attraverso interviste con i collaboratori dei Fab Four e tramite rari immagini d’archivio, Tom O’Dell punta ancora una volta l’obiettivo sui Beatles, e sull’impatto della band sull’immaginario culturale mondiale.

Before The Flood (1 febbraio)

Arriva su Netflix l’ormai noto documentario del 2016 diretto da Fisher Stevens sul cambiamento climatico. Protagonista Leonardo DiCaprio, da sempre attivo in ambito ambientale, che discute con le più importanti personalità del pianeta sull’impatto del riscaldamento globale sulle pratiche umane, sugli ecosistemi e sulla biodiversità. La colonna sonora è firmata da Trent Reznor, Atticus Ross e Mogwai.

1 Febbraio 2018 di Luigi Lupo
Precedente
Kurt Cobain. La figlia Frances Bean canta “Hallelujah” su Instagram e diventa virale Kurt Cobain. La figlia Frances Bean canta “Hallelujah” su Instagram e diventa virale
Successivo
“The Mule” segnerà il ritorno alla recitazione di Clint Eastwood “The Mule” segnerà il ritorno alla recitazione di Clint Eastwood

articolo

Black Mirror, commento all’episodio 4×01 (“USS Callister”)

Articolo

"USS Callister". Dopo tre stagioni e uno special natalizio, Charlie Brooker ci riproietta nella sua inusuale e tipicamente angosciante atmos...

articolo

Black Mirror, commento all’episodio 4×03 (“Crocodile”)

Articolo

Spiace constatare come in uno degli episodi più stilisticamente accattivanti e riusciti – merito senz’altro di una ambientazione che ri...

articolo

Black Mirror, commento all’episodio 4×02 (“Arkangel”)

Articolo

"Arkangel" è un episodio archetipico per Black Mirror, che rinfrancherà quei (pochissimi) fan infastiditi dal particolarissimo ottimismo d...

Altre notizie suggerite