Giorgio Prette: ecco perché ho lasciato gli Afterhours

Non nascondiamo di essere rimasti sorpresi dalla decisione di Giorgio Prette di lasciare gli Afterhours, dopo 25 anni di militanza. Eppure le motivazioni, a quanto pare, sono concrete e comprensibili. In una bella intervista pubblicata da Gli Stati Generali, infatti, Prette spiega le ragioni e l’iter che l’hanno portato a questa scelta difficile: “niente di improvviso o clamoroso, è una decisione che, come immagino si possa capire, non nasce da un giorno all’altro, ma è il frutto di un’evoluzione – o se vuoi di un’involuzione – del mio percorso con gli Afterhours, di una storia che è durata ben 25 anni, praticamente metà della mia vita. [..] Negli ultimi due anni mi sono successe molte cose a livello personale, non ultima quella di diventare papà, e senti l’esigenza di essere pienamente padrone delle tue scelte, di non dipendere da esigenze altrui”

E anche dal punto di vista artistico – continua Prette – più si va avanti, più diventa difficile fare cose gratificanti. Credo che Padania nel 2012 sia stato un punto d’arrivo, oltre il quale è difficile andare, a meno di non prendersi una pausa, cosa che non ci siamo mai potuti permettere, per ragioni di pura sopravvivenza. La decisione quindi si è resa evidente l’anno scorso, ma poi c’erano gli impegni per la promozione dell’edizione speciale di Hai paura del buio? e quindi l’ho resa pubblica solo ora. Tengo comunque a precisare che non sono stanco, né stufo di suonare, ma ho solo voglia di nuove strade“.

Per tutta l’intervista, vi rimandiamo alla pagina relativa sul sito internet de Gli Stati Generali.

Foto di Ilaria Magliocchetti Lombi

Foto di Ilaria Magliocchetti Lombi

5 Novembre 2014 di Fabrizio Zampighi
Leggi tutto
Precedente
In Europa Spotify fa guadagnare più di iTunes (secondo Kobalt Music Publishing) In Europa Spotify fa guadagnare più di iTunes (secondo Kobalt Music Publishing)
Successivo
FKA Twigs sbalordisce Jimmy Fallon FKA Twigs sbalordisce Jimmy Fallon

recensione

recensione

recensione

artista

recensione

Afterhours, �

Foto di pura gioia. Antologia 1987-2017

album

Afterhours

Foto di pura gioia. Antologia 1987-2017

Altre notizie suggerite