liberato luca roncoroni sentireascoltare

Liberato esegue un brano inedito sul palco di Club To Club a Torino

Sul palco del Club to Club alla fine è comparso ma il volto non è riuscito a vederlo nessuno. Continua quindi il mistero attorno a Liberato.

Sul palco del Club to Club alla fine è comparso ma il volto non è riuscito a vederlo nessuno. Continua quindi il mistero attorno a Liberato, il rapper neomelodico che, negli ultimi mesi, ha conquistato il pubblico italiano e gli addetti ai lavori grazie al mix di dialetto napoletano e suono hip-hop contemporaneo. Pertanto non bisogna sorprendersi se ieri sera, sabato 4 novembre, sotto il palco del festival torinese, siano accorsi numerosi da ogni parte d’Italia per ascoltare i suoi brani (3 al momento quelli pubblicati) ma soprattutto per conoscere la sua identità, ancora segreta.

Avvolto nel fumo e nell’oscurità, presentato da un visual incorniciato in un enorme cerchio, il rapper arriva sul palco completamente incappucciato assieme a due musicisti impegnati ai pad e alle batterie elettroniche. Il buio è totale, impossibile vedere in viso il protagonista di brani come Nove maggio, con cui apre la scaletta, seguito da Gaiola Portafortuna, un brano inedito (di seguito in visione il video dell’esibizione) e Tu T’e Scurdat’ ‘E Me. Quattro brani, pubblico in delirio e il mistero continua.

Sulle nostre pagine potete leggere una riflessione di Luca Roncoroni sul fenomeno Liberato.

 

Tracklist