Morto Mike Huckaby, leggenda di Detroit

Diverse fonti vicine a Mike Huckaby ne riportano la notizia della morte, avvenuta per coronavirus e complicazioni da ictus. Colonna portante del movimento elettronico della Motor City, boss delle etichette Deep Transportation e S Y N T H, manager del negozio di dischi Record Time, il producer ha firmato numerosi remix per gente come Norm Talley, Pole, Model 500, DeepChord e Vladislav Delay. Era inoltre noto per i workshop sulla produzione musicale dedicati a bambini e ragazzi del Michigan.

Nei prossimi mesi era programmata l’uscita di un suo remix di Addiction dei Souldynamic, duo italiano composto da Luca Ciotoli e Stefano De Magistris che conosceva personalmente il producer e ha condiviso con noi un sentito commiato a Huckaby: «Sarebbe inutile dire che per noi Mike è sempre stato un punto di riferimento come pochi, capace com’era di di lavorare magistralmente nelle zone d’ombra tra techno e house. Quando decidemmo di organizzare un pacchetto di remix per Addiction, il suo fu il primo nome che ci venne in mente. Non lo conoscevamo di persona, ma dopo aver ascoltato la nostra traccia e un breve scambio di parole tramite mail e social, decise subito di dare la sua disponibilità per il remix ma ad una condizione: prima avremmo dovuto guardarci negli occhi. Voleva percepire il “vibe”. Organizzammo subito una diretta Skype e si presentò sorridendo e muovendo la testa al ritmo di un nostro vecchio pezzo, che si sentiva a malapena dalle casse del suo pc! Nonostante la fama e il rispetto acquisito negli anni, ricordiamo la sua grande umiltà: di tanto in tanto ci mandava bozze del remix per chiederci pareri e consigli! Il valore della sua perdita è incalcolabile, sotto ogni punto di vista».

 

 

25 Aprile 2020 di Daniele Rigoli
Precedente
Propaganda Live. La versione di “Bella ciao” con la propaganda orkestra “distanziata ma unita” Propaganda Live. La versione di “Bella ciao” con la propaganda orkestra “distanziata ma unita”
Successivo
Stephen Malkmus esegue una cover acustica di “Spit on a Stranger” dei Pavement Stephen Malkmus esegue una cover acustica di “Spit on a Stranger” dei Pavement

Altre notizie suggerite