Umbria Resistance. A Foligno dal 1 al 3 luglio un evento di autofinanziamento Dancity con Ralf, Simoncino e molti altri

Umbria Resistance è il nome scelto da Dancity per l’iniziativa di autofinanziamento che raccoglierà attorno a sé il meglio del mondo artistico umbro per un’edizione speciale del festival. L’evento si svolgerà sempre a Foligno, venerdì 1, sabato 2 e domenica 3 luglio 2016, all’interno delle location che hanno contribuito alla riuscita del progetto nel corso degli anni: «una rassegna di tre giorni in cui gli affezionati, i curiosi e i passanti potranno scoprire i talenti umbri e dare il proprio contributo a Dancity».

Di seguito, la line up di Umbria Resistance, mentre per partecipare all’iniziativa di crowdfunding volta a sensibilizzare il numeroso pubblico che negli anni si è affezionato al Festival, vi rimandiamo a produzionidalbasso.com, sito dove è già da ora possibile effettuare i versamenti in suo sostegno. In calce alla notizia il comunicato completo dell’iniziativa.

Line up

Bönf
Caveargento
Chiskee
Ciccio Battazzi
Dj Soch
Franco B
G-Amp
Giesse
Leonardo Martelli
Marco Ragni
Matthew Oh
Mauro Renga
Max P
Ralf
Ricky L
Simoncino
Stefano Tucci
Tape

UMBRIA RESISTANCE: DANCITY NON SI FERMA, RESISTE

E’ un lungo percorso quello che ha segnato Dancity fino ad oggi: 10 edizioni del Festival, tante produzioni proprie, artisti di caratura internazionale, progetti sperimentali a livello musicale e non solo, con mostre e video-installazioni, un costante e particolare sguardo rivolto al mondo sociale, dalla sensibilizzazione verso le tematiche ambientali al coinvolgimento delle giovani generazioni tramite laboratori rivolti ai bambini. Queste sono solo alcune delle numerose attività che dal 2006, anno della sua fondazione, l’Associazione Culturale Dancity ha realizzato. Dopo la strepitosa decima edizione del Festival nel 2015, l’Associazione si è trovata a gestire alcune problematiche, di natura principalmente economico-organizzativa, che hanno giocato un ruolo chiave nella scelta del proprio futuro. Ciò ha portato alla decisione di fermare per un anno il Festival, considerato dalla stampa nazionale e internazionale come uno dei più importanti festival di musica elettronica in Italia: una pausa di riflessione per lo sviluppo della migliore carta da giocare nel 2017, che non significa rimanere fermi, ma, anzi, valorizzare ciò che di meglio offre il territorio, attraverso un focus sugli artisti umbri. Dancity non si ferma, resiste: da qui l’incisivo e ironico titolo di Umbria Resistance, che rimanda al famoso gruppo Underground Resistance, protagonista di una delle più belle performance dell’edizione 2015. La formula sarà quella collaudata di un weekend intenso, con esibizioni a partire dal pomeriggio fino alla sera, in cui la maggior parte degli eventi sarà ad ingresso gratuito. Il luogo principale che ospiterà questo progetto sarà Palazzo Trinci, uno dei palazzi storici più importanti della città di Foligno, che sarà valorizzato e contaminato con preziosi elementi di ricerca e qualità.

CONCEPT GRAFICO & ART SESSION
La sezione arti visive di quest’anno e l’intero artwork di Umbria Resistance si concentrano sul concetto di collettività attraverso una serie di interventi artistici e soluzioni d’allestimento dedicate al pubblico di Dancity, agli affezionati e soprattutto agli abitanti di Foligno. Il filo conduttore è la condivisione di un messaggio e, in particolare, di un’esperienza vissuta insieme. Umbria Resistance si concretizza così nella presenza di immagini presenti nella grafica e disseminate nel tessuto urbano che ripercorrono i dieci anni del Festival, con l’intento di rendere omaggio a chi ha creduto e continua a credere in questo progetto. All’interno del cortile di Palazzo Trinci, location principale dell’evento, a fare da scenografia – integrandosi totalmente con le architetture del luogo – saranno i migliori scatti dei live e dei DJ set che si sono susseguiti in questi anni. Ed ecco che allora rivedrete sotto il loggiato gli Underground Resistance, Jeff Mills, The Cinematic Orchestra, Nicolas Jaar, James Holden (per citarne alcuni) come pezzetti di un grande puzzle.

DANCITY SCHOOL: “SOUND OBJECTS”
Il laboratorio didattico rivolto ai bambini Dancity School per l’edizione 2016 è dedicato ai “Sound Objects”: oggetti qualsiasi e di uso comune che vengono trasformati in “strumenti” tramite un’analisi delle qualità tattili e timbriche di ciascun oggetto e semplici sistemi di amplificazione. I bambini si avvicinano con entusiasmo all’universo dei suoni fin da piccoli in quanto rappresenta un linguaggio che li coinvolge interamente ed è fonte di gioia, divertimento e gratificazione. Il suono, come le altre forme d’espressione, è altresì una potente via di manifestazione del proprio mondo interiore e di comunicazione delle proprie emozioni. Il workshop, realizzato in collaborazione con la Società Cooperativa Sociale “La Locomotiva”, è rivolto a due fasce di età: dai 6 agli 8 anni e dai 9 ai 13 e sarà condotto dalla psicologa Rossella Angelozzi insieme al sound artist Fabio Perletta. Dancity ancora una volta si apre al territorio e si appella al proprio pubblico, sempre numerosissimo, e ai propri sostenitori per vivere insieme questa nuova avventura e dare un supporto, morale e non: l’1, il 2 e il 3 luglio è il turno di tutti, non solo di Dancity!

15 Giugno 2016 di Edoardo Bridda
TAG
Precedente
Kanye West. Il videogame sulla madre, il nuovo brano e l’ennesimo rimaneggio a “The Life Of Pablo” Kanye West. Il videogame sulla madre, il nuovo brano e l’ennesimo rimaneggio a “The Life Of Pablo”
Successivo
“The Young Pope”. Primo teaser per la serie diretta da Paolo Sorrentino “The Young Pope”. Primo teaser per la serie diretta da Paolo Sorrentino

Altre notizie suggerite