• Nov
    01
    2012

Album

Columbia Records

Add to Flipboard Magazine.

Nati ad inizio anni '70 come band di culto all'ombra dei giganti del rock (dai Led Zeppelin ai Rolling Stones), gli Aerosmith riuscirono a lasciare una traccia importante (Toys In The Attic e Rocks) appena prima dell'arrivo dello spazzino chiamato punk. Letteralmente a pezzi e autori di prove indecorose nella prima metà degli anni '80, Steven Tyler e compagni (all'epoca i chitarristi Perry e Whitford abbandonarono la causa per qualche anno) tornarono sulla cresta dell'onda, aggrappandosi alle spalle dell'esplosione glam/hair (e di MTV), con gli album Permanent Vacation e Pump, prima tuffarsi nei '90 con ballate strappalacrime di successo (Amazing, Cryin' e poi I Don't Want to Miss a Thing).

Anni zero praticamente nulli, tanto che l'ultimo album vero e proprio (il dimenticabilissimo Just Push Play) risale addirittura ad undici anni fa, seguito poi da problemi di varia natura, cover e uscite minori. Si ripresenano nel 2012 con Music from Another Dimension!, album che sulla carte avrebbe dovuto rappresentare il grande comeback sulla scena mondiale.

Purtroppo per loro, partendo dall'artwork old-style (e decisamente primi-883), è chiaro fin da subito che gli Aerosmith non riescono a bissare quanto fatto dagli AC/DC qualche anno fa: la riproposizione, quasi caricaturale, di se stessi è la medesima, ma manca il tiro giusto… e non solo.

L'album infatti si apre con LUV XXX, introdotta da un discorso da datato sci-fi movie è il classico riff-orama hard bello ritmato con chorus che rimanda a Love In a Elevator, Steven però appare distante e fiacco, protagonista – un po' come su tutto il disco – di una ricercata energia ormai persa (si pensi all'ultimo Kiedis).

Rock-blues tamarro (tra Stones e AC/DC) come Oh Yeah o la decente Legendary Chid (ad un certo punto è impossibile non pensare a Sweet Emotion), aperture corali insensate (Beautiful, dove Tyler insegue Matthews Shadows degli Avenged Sevenfold), autocitazionismi vari (le chitarre+fiati di Out Go The Lights) e tentativi speed che non vanno da nessuna parte (Street Jesus)

Poi ci sono loro, ovviamente, le cheesy-ballads languide da rimorchio: la semiacustica Tell Me, We All Fall Down, la pacchianissima (telefilm anni '90 dietro l'angolo) What Could Have Been Love? e il disastro annunciato di Can't Stop Loving You, un pezzo alla ultimo Kid Rock in compagnia dell'ex-reginetta del country-pop Carrie Underwood, negli anni soppiantata da Taylor Swift. Chiude Another Last Goodbye (co-scritta da Desmond Child, storico filo conduttore tra Aerosmith e Bon Jovi).

Considerando il livello di Music from Another Dimension! speriamo sia davvero un sincero "last goodbye": gli Aerosmith del 2012 hanno tutti i sintomi di una ispirazione che non c'è e di un attaccamento maniacale a certi stereotipi (loro, in primis) legati inevitabilmente al passato e forzatamente riproposti fino allo sfinimento (l'album, tra le altre cose, è fin troppo lungo) nel segno dell'obsolescenza.

8 Novembre 2012
Leggi tutto
Precedente
Brian Eno – Lux Brian Eno – Lux
Successivo
Rover – Rover Rover – Rover

album

artista

Altre notizie suggerite