• Nov
    01
    2012

Album

Brigadisco Records

Add to Flipboard Magazine.

?Alos è la nostra Diamanda Galas? Paragone impegnativo, ci rendiamo conto, ma nonostante gli ovvi distinguo – una dimensione vocale molto più limitata e un esotismo maudit meno evidente – troviamo sempre più punti di contatto tra le due. Per immaginario extra-musicale di matrice letterariamente colta, per capacità di infrangere barriere generazionali, per volontà di “teatralizzare”, virandolo drammaturgicamente, un portato musicale aspro, spigoloso, ispido.

L’impegno preso per preparare questo Endimione è, per apertura mentale, immaginario evocato – quello dei Madrigali di Artaud –, capacità sovversiva e attenzione al dettaglio, il segno più evidente di una crescita costante, di una ricerca di una via sempre più personale, unica verrebbe da dire, all’oltre-rock. Ad una concezione di musica che è contaminazione con arti visive e visionarie, performance, drammaturgia, poesia e esplicitazione di una bruciante inquietudine esistenziale.

Certo, il sostegno di Xabier Iriondo sul versante prettamente musicale è notevole: macchine e cordofoni auto costruiti, field recordings e chitarra, basso e 78 giri d’annata si fanno di volta in volta tappeto minimale per accompagnare il malefico sussurro della Pedretti (Robert Mortier), arpeggio irsuto e in grave tensione tra noise e tradizione a sorreggere la disumanità del cantato (Marguerite Jamois), tribalismo schizzato e asincrono per il cut-up di Florent Fels, anti-blues da discarica (Simone Dulac) o carillon del disagio meets avant classical smostrata (Genica Atanasiou). Ma Iriondo in solo non lo scopriamo certo oggi. La cosa che sorprende è la naturalezza con la quale i due si fondono, compenetrando ognuno le peculiarità e la sensibilità dell’altro, dando vita ad un lavoro ostico, duro, incompromissorio com’è giusto che sia – e capi d’opera di avant-rock in overdrive come Charles Dullin e Georges Gabory sono lì a futura memoria – e che brucia ad ogni singolo, impegnativo ascolto. Endimione è decisamente un disco da cui non si torna indietro con facilità.

10 Novembre 2012
Leggi tutto
Precedente
Pitchfork Music Festival Parigi 2012 Pitchfork Music Festival Parigi 2012
Successivo
Gli sportivi – Black Sheep Gli sportivi – Black Sheep

album

recensione

recensione

recensione

recensione

concerto

artista

artista

Altre notizie suggerite