Recensioni

7.2

Quando si parla di atmosfera di un disco si cade spesso nel tranello di scambiare l’arrangiamento per la prova irrefutabile di un preciso sound, dimenticando che a fare l’atmosfera concorrono più elementi e fra questi è la volontà dell’autore a pesare con maggiore forza dando vita a quell’involucro, di gas e vapori, di note e accordi, in cui far abitare il proprio disco. Nello specifico caso di All Thoughts Fly l’atmosfera si estende, anche semanticamente, in una solarizzazione gotica dei pensieri.

Una creatività progressista, potremo chiamare così l’approccio che sembra interessare il lavoro portato avanti da Anna von Hausswolff, musicista e compositrice svedese che da ormai una decina di anni sta riscrivendo le coordinate della darkwave neoclassica all’interno dell’ambient più puro. Senza mai temere di perdersi nel cavalcare generi diversi come il metal, il dark pop, il kraut, l’artista di Göteborg ha costruito un percorso personalissimo e ormai riconoscibile. E lo dimostra nuovamente rinunciando ai suoni passati, all’uso della voce, presentando un album di 44 minuti di musica strumentale per organo a canne. Una mossa incredibilmente audace ma che può godere di una ricezione attiva da parte del pubblico, invitato ad “ascoltare, liberare la mente e lasciarla vagare”.

Con All Thoughts Fly la svedese intende sperimentare davvero intenzioni e ambizioni nuove attraverso una varietà di stati d’animo e approcci stilistici: i sette brani che compongono il disco possono essere descritti come movimenti di una sinfonia, nonostante il tutto venga suonato con un unico strumento, quell’organo a canne che diventa corpo e anima del processo creativo dell’artista. Con i suoi quattro manuali, un pedale e 54 registri, l’organo è stato costruito come parte di un progetto di ricerca decennale per dare pregio all’artigianato di organi della Germania settentrionale del XVII secolo. Il temperamento dell’accordatura diventa fondamentale poiché influenza profondamente il suono e quindi cambia radicalmente il processo di creazione del disco. Durante la registrazione, la von Hasswollff si è stupita della capacità dell’organo di creare bellissime note di intonazione attraverso i suoi stop e il sistema di alimentazione d’aria. “Ne abbiamo approfittato in modo che la maggior parte dei suoni e delle note che si sentono nell’album provengano dalla meccanica di questo organo, effetti realizzati in modo totalmente acustico”. L’artista ha poi registrato con due microfoni per atmosfera e due coppie di microfoni ravvicinati posizionati all’interno dell’organo stesso, per catturare sfumature e dettagli ancora più precisi.

In perfetto equilibrio lungo la linea tra luce e buio, All Thoughts Fly irradia una bellezza malinconica e si distingue per transizioni fluide di elementi contrastanti; calma e drammaticità, armonia e dissonanza, proprio come il luogo che ispira la musica mentre i pezzi fluiscono e sbocciano mentre tessono i loro arazzi di emozioni. La gamma tonale e dinamica che von Hausswolff genera dall’organo a canne è sorprendentemente ampia, e in qualche modo le composizioni sembrano raggiungere direttamente il nostro nucleo emotivo. L’aggiunta di effetti di sound design extra, per cui l’organo è stato talvolta elaborato elettronicamente in post-produzione, aggiunge uno strato di elettronica distanziata e ipnotica che si scontra e si fonde magnificamente con i suoni naturali dell’organo.

Come esplicitato in copertina, il giardino di Bomarzo, o Sacro Bosco, è l’ispirazione fondante del disco: “Ho usato questa storia come nucleo per la mia ispirazione: l’amore come fondamento per la creazione”. Sacro Bosco, con le sue sculture grottesche e mitologiche, la sua vegetazione soffocante, le sue meraviglie iniziatiche, fu commissionato da Pier Francesco Orsini per cercare di far fronte all’immenso dolore dopo la morte della moglie Giulia Farnese.

Theatre of Nature è l’ouverture che accoglie l’ascoltatore nell’altro mondo, quasi una catarsi prog-rock che pugnala gli accordi e soavemente si attenua in un’avvincente atmosfera intrisa di delay, diversivi eterei e temi ripetuti. Una semi evasione che prepara alla supplica commossa di Dolore Di Orsini, una marcia di accordi lenti e calcolati, sospesi nell’aria prima di essere accompagnati da lamenti più esigenti in cui lo spettro di Igor Stravinskij sembra combinarsi alle fibre del lavoro di Philip Glass.

Se Sacro Bosco vive di un ritmo faticoso e pesante con droni iper strutturati e onde ad altissima frequenza, Persefone offre una sequenza lenta, minacciosa e funerea che gradualmente ci avvolge. Più aumenta la sua intensità, più gli accordi cadenti ricordano quel capolavoro di Koyaanisqatsi. Il tono vagamente ecclesiastico della composizione riecheggia Bach prima di svanire su un singolo accordo sostenuto fino alla fine. Se ci sembra che musicalmente accada poco, con un ascolto attento e partecipato riusciamo a svelare la complessa trama emotiva e lo sconquasso che quel poco riesce a donare.

Entering, prodigo di effetti elettronici, con la sua dinamica di crescendo e diminuendo, prepara alla title track vorticosa la cui intensità si fa sempre più densa fino a raggiungere il suo zenit, folle e cacofonico. Raffiche sonore, rapidi cicli di note trasformatesi in onde: l’attenzione è altissima, grazie anche all’uso del contrappunto e della ripetizione che deliberatamente vogliono glorificare l’opera ritmica e propulsiva di Steve Reich. La chiusura affidata a Outside The Gate (per Bruna) è una suggestiva sequenza di accordi,  impreziosita da elementi elettronici e svolazzi melodici, capace di riscrivere la qualità luttuosa del suono, il cui vigore si costruisce attorno a fughe che si ripetono lentamente.

Attraverso un solo strumento, Von Hausswolff crea uno spettro di suoni vastissimo e strabiliante; di ardua definizione, il disco della musicista svedese fluttua tra melodie minacciose a droni evocativi ma l’oscurità che pervade All Thoughts Fly non è mai minacciosa, vive piuttosto di una profonda e fragilissima malinconia. La stessa che guida e fa decollare questo tour de force nella composizione neoclassica.

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette