• gen
    01
    2004

Album

Paw tracks

Add to Flipboard Magazine.

Continua l’ottimo lavoro della Paw Tracks (etichetta di proprietà degli Animal Collective). Dopo varie uscite appartenenti all’orbita del collettivo animale (tra cui l’ottimo Young Prayer di Panda Bear), è ora la volta del primo estraneo alla famiglia, Arial Pink. Giovane allampanato losangelino, già titolare di un numero imprecisato di uscite nel circuito off, Arial Pink’s Haunted Graffiti (questo è il nome per esteso) ha la possibilità di uscire dall’anonimato grazie all’interessamento di Panda Bear & Co.

Le notizie su The Doldrums ci dicono di un album nato come cd-r casalingo, registrato su un otto tracce con sole voce, chitarra e tastiere (la batteria che si sente dovrebbe essere frutto dell’ugola di Arial), presumibilmente in una stanza dalle pareti tappezzate con poster di Brian Wilson e Todd Rundgren. Sì, perché è proprio dalle parti loro che vanno a parare le piccole pillole contenute nel dischetto. Sono visioni distorte e sghembe del pop, puzzle imprevedibili e proprio per questo inclini all’effetto sorpresa.

Tra il falsetto sonnolento di Strange Fires, le trame melodiche di Among Dreams, il croonerismo abulico di Gray Sunset e lo slaker pop di Envelopes Another Day, sembra di ascoltare contemporaneamente Pet Sounds e A Wizard, A True Star. Un mare di idee che pur parlando la stessa lingua non coincidono sempre perfettamente (la seconda metà del disco, tranne Let’s Build a Campfire There, è emblematica in tal senso). Ingenuità perdonabilissime, visto come il nostro affronta la tortuosa strada che porta alla melodia (quasi) perfetta. I miglioramenti sono d’obbligo; per ora la sufficienza è più che meritata.

1 aprile 2004
Leggi tutto
Precedente
Franz Ferdinand – Franz Ferdinand Franz Ferdinand – Franz Ferdinand
Successivo
Elf Power – Walking With The Beggar Boys Elf Power – Walking With The Beggar Boys

Altre notizie suggerite