• Set
    18
    2012

Album

Columbia Records

Add to Flipboard Magazine.

E' sempre brutto assistere a discese artistiche brusche e, almeno inizialmente, inaspettate. Chi ha amato i Band Of Horses di Everything All the Time e Cease to Begin, aveva forse chiuso un occhio sull'inconsistenza di Infinite Arms, ma non potrà fare lo stesso su Mirage Rock.

Se in Infinite Arms – così come nel fin troppo incravattato tour di supporto – le avvisaglie negative erano presenti ma in parte mascherate da rifiniture ad hoc, in Mirage Rock – titolo già di sè contestabile – sono alla luce del sole lungo l'intera tracklist.

L'americana e le atmosfere country-rock sono ormai diventate l'unica e debole colonna portante del progetto, solo che i Band Of Horses non sono i Wilco (e neanche i Decemberists, vedi How To Live). Non solo, il leader Ben Bridwell – che in passato poteva ricordare in alcuni punti gli eroi psichedelici anni '90 Wayne Coyne e Jonathan Donahue – sembra aver chiuso a chiave nel cassetto qualsiasi tipo di stravaganza.

Flemmatici come non mai (Long Vows, Everything's Gonna Be Undone), questi Band Of Horses potrebbero essere l'ascolto ideale solo nel rarissimo caso in cui ci si stia per coricare davanti ad un falò, in qualche zona del mid-USA. Non richiesti tra l'altro i passaggi power-pop: pezzi come A Little Biblical, Feud e lo stesso singolo Knock Knock sembrano messi lì solo per svecchiare un disco noioso, statico e troppo adagiato.

In tre quarti d'ora di musica è difficile trovare anche un solo frangente che ci faccia distogliere dal pensiero fisso "ma questa è veramente la stessa band che solo sei anni fa scriveva una brano come The Funeral?"

10 Settembre 2012
Leggi tutto
Precedente
Hot Guts – Edges Hot Guts – Edges
Successivo
Alessandro Fiori – Questo dolce museo Alessandro Fiori – Questo dolce museo

album

artista

Altre notizie suggerite