• Lug
    01
    2008

Album

XL

Add to Flipboard Magazine.

Con la collaborazione del gettonato e richiestissimo Brian Burton – a.k.a. Danger Mouse,
Beck approda a uno psych blues contaminato, pieno di beat funk
spezzati, figlio dei Sessanta ma ancorato ai Novanta; una miscela
simile a quella che abbiamo già visto concretizzarsi nell’ultimo Gnarls Barkley e per certi versi nei Gorillaz. Un suono e una produzione riconoscibilissimi, che si vengono a mescolare con il consueto autoremix d’autore, quel becktionary a cui abbiamo assistito negli ultimi anni sin dai tempi di Guero (2005) e poi The Information (2006).

D’altra
parte è stato un Beck senza troppe sorprese quello degli ultimi anni,
privo dell’urgenza espressiva della prima fase, che ci aveva
piacevolmente stupito l’ultima volta nel pacato e cantautorale Sea Change. Un Beck che oggi sembra fare del “mestiere” di classe la sua cifra autoriale, con guizzi sparsi e assortiti.

C’è da dire che Modern Guilt ha dalla sua un attento lavoro sul “suono”, riportando l’atmosfera sin da subito in scure e dense matrici sixties, rischiarate da aperture orchestrali ed elettroniche. Si apre con la miscela blues.lisergica di Orphans, dal sapore beatlesiano/beachboysiano, in cui fa appena la comparsa ai cori un’eterea Cat Power, che ritroviamo anche nei breakbeat dell’ariosa Walls; e ancora surf rock da colonna sonora ’60 (Gamma Ray), ballad che sembrano uscite da Sea Change (lo psych rock di Chemtrails, tra Beta Band e Flaming Lips, Volcano), la title track per un valzer ancora dal retrogusto beatlesiano, il blues tra The Roots e Stones di The Soul Of A Man, il british rock alla Traffic di Profanity Prayers. Con le consuete tematiche apocalittiche e futuristiche e un bel po’ di disillusione in più sull’oggi e il domani.

In
sostanza una rivisitazione postmoderna di frammenti musicali disparati,
shakerati nel frullatore beckiano (e ripassati al microonde
dangermouse-iano), per un album che nulla aggiunge a una carriera più
che illustre, ma ha il pregio – non da poco – di farsi ascoltare e di
essere coeso.

10 Luglio 2008
Leggi tutto
Precedente
Directing Hand – What Put The Blood Directing Hand – What Put The Blood
Successivo
CSS – Donkey CSS – Donkey

album

artista

Altre notizie suggerite