• apr
    07
    2008

Album

4AD

Add to Flipboard Magazine.

Ci sono cose che paiono non cambiare mai e sicurezze cui, presto o tardi, tocca rinunciare. Giusto così, perché altrimenti non ci sarebbero mai evoluzioni e rivolgimenti, né tanto meno ritorni a casa. Da un lustro abbondante le sorelle Kim e Kelley Deal non davano più notizie, rintanate nella tranquillità della provincia americana a concedersi tuffi nell’immensità del loro passato e soprattutto Kim, impegnata tra il 2004 e il 2005 con la reunion dei Pixies. Trappola suadente guardarsi indietro: credi di possedere ancora il vigore dei vent’anni o la visione dei trenta, ma in realtà le cose talvolta stanno diversamente. Ti ostini a comunicare col mondo là fuori usando l’unica lingua che conosci, quella stessa che frattanto ha perso eloquenza e raccolto polvere, sebbene sia lungi dal presentarti nei panni della petulante reduce.

Sull’onda dei concerti coi redivivi Folletti, Kim si è dunque messa all’opera con l’ultima formazione nota delle/dei Breeders (Kelley, ovviamente, più i comprimari Jose Medeles e Mando Lopez). Non è l’unico elemento in comune con Title Tk: di quest’ultimo è mantenuta la determinazione ad allontanarsi da comodi modelli affidandosi a trame più riflessive. La mossa si rivela moderatamente vincente, il guizzo che consente una sghemba sufficienza, garantita un po’ a fatica dai sibili e i sussurri della title-track, da una Istanbul che pare tratta dai dischi solisti di Maureen Tucker, dal chiaroscuro su cui poggiano Night Of Joy e Spark. S’è detto moderatamente, però, poiché sgradite novità fanno il loro ingresso sotto forma di un’esecuzione fiacca – o di una convinzione assente, come se ci fosse un cartellino da timbrare – e penna scarsamente incisiva se ligia a più consone forme. Con le piacevoli eccezioni dell’iniziale rutilare di Overglazed e della squadrata Walk It Off, il rimanente oscilla tra carineria e, per la prima volta, pura e semplice bruttezza (Bang On non va da nessuna parte; Regalame Esta Noche lastrica di buone intenzioni la via dell’inferno).

A questo giro le assolviamo, ma ci piacerebbe che le nostre (non più) ragazzotte si rendessero conto di come, pian piano, stiano perdendo il treno. A quel punto, forse, non sarebbe meglio sopprimere la linea?

17 Aprile 2008
Leggi tutto
Precedente
The Wombats at Circolo Degli Artisti, 10 aprile 2008 The Wombats at Circolo Degli Artisti, 10 aprile 2008
Successivo
Radical Matters – Goetia

album

artista

Altre notizie suggerite