• Lug
    01
    2011

Album

Warp Records

Add to Flipboard Magazine.

Brian Eno e il poeta Rick Holland collaborano saltuariamente dalla fine degli anni Novanta, in progetti musicali non sempre finalizzati alla pubblicazione su disco (seminari didattici, installazioni, ecc.). Dopo Small Craft On A Milk Sea i due hanno deciso di mettere a fuoco idee e abbozzi sonori che avevano accumulato nel tempo, chiudendoli nel progetto Drums Between The Bells. Small era un album sfacciatamente estemporaneo, residuale e contrattuale (la notizia era che Eno debuttava su Warp Records) con giusto uno o due numeri veramente degni di nota; questo Drums, pur partendo "malissimo" sulla carta (elettronica + spoken poetry, ancora?), sorprende per tenuta globale e varietà di atmosfere e riferimenti.

Tra tanti buoni numeri con voce maschile e femminile ad alternarsi (e con netta prevalenza della seconda; dai credits del promo e dalle info sul web non è dato di sapere i nomi dei collaboratori) e varie sfumature di ambient sulla tavolozza – tocchi di piano (Dreambirds), arpeggi echizzati (Pour It Out), world alla Penguin Cafe (Seedpods), soft-WOMAD (Dow), nuvole ambient (The Real, Fierce Aisles Of Light), electro noir (The Airman), scenari epico-desertici (A Title) – si impongono gli incastri ritmico-timbrici dell'avant-rap di Multimedia, la nenia su carillon electronico di Cloud 4 e i nitidi ricordi della New York nevrotica di Golden Palominos (il solo free-rumorista di chitarra nell'ethno-jazz Bless This Space), Talking Heads (una ipercinetica Sounds Alien che attacca come un pezzo di Zooropa) e Laurie Anderson (l'harmonizer di Glitch, brano scelto ad anticipare l'album). Certo, però fanno proprio sorridere quei 57 secondi di silenzio di Silence.

27 Giugno 2011
Leggi tutto
Precedente
Marissa Nadler – Marissa Nadler Marissa Nadler – Marissa Nadler
Successivo
A Toys Orchestra – Rita Lin Songs A Toys Orchestra – Rita Lin Songs

album

artista

artista

Altre notizie suggerite