• mag
    04
    2018

Album

La Tempesta Dischi

Add to Flipboard Magazine.

Un tuffo in un passato glorioso per renderne omaggio senza prendersi troppo sul serio. Ghetto Falsetto, il nuovo lavoro di Bruno Belissimo, è un immersione nella italo-space-disco degli anni Settanta/Ottanta che suona sia come un’operazione retromaniaca e nostalgica, sia come un laboratorio per creare un suono avvincente e funzionale al dancefloor. Si avvicina l’estate e il producer italo-canadese, che racconta «di aver scritto i brani di getto dopo aver subito il furto del computer», vuole farci ballare con un concentrato di colori accecanti e spirito evasivo, un incontro tra pattern ritmici house, riff funky, synth spaziali (Tempi moderni, La Pampa Austral). Accade nella title-track, che si muove in quattro tempi, cadenzata e danzereccia (ricorda la Dancer di Gino Soccio – nota anche per un autorevole remix di Robert Hood) e nel mantra Ghetto Falsetto con cui il Nostro – recita la press release – vorrebbe ricercare «una metafora per definire il dualismo tra realtà e finzione».

A risaltare e contraddistinguere il progetto è un personale tocco ironico che evita il più delle volte all’autore di appiattirsi su una banale operazione nostalgia: Horror Tropical mescola zombie e balearica, Urlo Libero viene introdotta dalla voce di un euforico vocalist della riviera romagnola, mentre Don’t Bother with Hardware – un robo-funky con voce vocoderata – lancia il messaggio «Non suona male il digitale». È il sottotesto sarcastico di un disco fatto con laptop e software per ricreare atmosfere analogiche di un passato disco (forse) mai tramontato.

6 Maggio 2018
Leggi tutto
Precedente
Iceage – Beyondless
Successivo
Daniel Blumberg – Minus

album

artista

Altre notizie suggerite