• Mar
    25
    2013

Album

Glassnote Records

Add to Flipboard Magazine.

Chvrches hanno svariati pezzi nel cassetto, mancava una label che li pubblicasse. Fu The Observer(periodico edito dallo stesso gruppo del Guardian) a metterci al corrente di una situazione che aveva dell’assurdo: l’articolo in questione risale alla fine dello scorso ottobre e il potenziale del trio di Glasgow – peraltro “supergruppo” di una certa esperienza – era già allora conclamato da un campeggio eterno ai vertici del ranking dell’Hype Machine; dagli show gremitissimi con due soli web singlesall’attivo (LiesThe Mother We Share).

Poco male. Il contratto con l’etichetta ora c’è, è un big deal (la Glassnote di Phoenix e Mumford & Sons) e permette ai nostri di pubblicare il Recover EP, dunque di farci avere i primi tre inediti (e due remix) di un’annata che li vuole come protagonisti.

E l’incipit, affidato alla title track, è micidiale; dà seguito al percorso di eccellenza inaugurato dai due singoloni sopracitati. Recover è una gemma d’electro-pop istantaneo ma ambizioso à la The Knife circa-Silent Shout, con beat clippati, intermezzo blown-out che ammicca alla post-witch (ormai acquisita) alla maniera dei Purity Ring, sintetizzatori che seguono “a rimbalzo” il cut-up della strofa e stendono, infine, due tappeti differenti per un doppio chorus che reclama airplay inrepeat. Da segnalare anche una Lauren Mayberry sempre più lontana dalle timidezze indie-pop dei suoi Blue Sky Archives e a suo agio nel ruolo di frontwoman e icona; sempre più riconoscibile e non più soltanto un timbro a mezza via tra Robyn e Megan James.

Sorprende, dunque, vederla poi rimpiazzata nei vocal-duties da un Martin Doherty (The Twilight Sad) naturalmente più anonimo, in specie perché metallicamente filtrato. Eppure, con quel crescendo che sa di lancio iperspaziale (sci-fi!), cosa è ZVVL se non un primo tentativo di portare a casa il tormentone anthemico in ideale stile M83? Ed è vero che gli innesti di dubstep androide possono inizialmente far storcere il naso, ma ad ascolti ripetuti c’è comunque da arrendersi: questi Chvrches funzionano, anche a carte scombinate.

Dulcis in fundo, a chiudere il parco originals (e anche il disco, dove i remix risultano operazione di contorno) è Now Is Not The Time, degli scozzesi – ad ora – la creatura maggiormente indebitata con gli Eighties, la più cinematica, Drive-alike, dunque in avanscoperta sulla scia del successo dei Chromatics di Kill For Love. Esplorativa eppure già ben quadrata, è emblema dello stesso EP nel suo complesso: non releasesuperflua, ma prove generali in prospettiva del debutto lungo (atteso per l’autunno). A quello rimandiamo il giudizio definitivo e però, nel frattempo e visto che le opzioni qui vagliate ci sembrano tutte egregiamente attuabili, non ci schiodiamo da quanto già detto in tempi non sospetti: next big thing.

4 Aprile 2013
Leggi tutto
Precedente
Bonobo – The North Borders Bonobo – The North Borders
Successivo
Implodes – Recurring Dream Implodes – Recurring Dream

album

artista

Altre notizie suggerite