• Set
    28
    2018

Album

BMG

Add to Flipboard Magazine.

Sono passati 8 anni dall’ultimo – e non troppo esaltante – Rise Up, un lasso di tempo in cui Dj Muggs ha collaborato praticamente con chiunque in millemila progetti paralleli e gli altri due locos B-Real e Sen Dog sono sembrati più che altro pronti a godersi la pensione senza troppi rimpianti. La sensazione era che da parecchio tempo la musica condivisa dai Cypress Hill fosse un accessorio nettamente secondario, e il focus principale della cricca restasse saldamente il rollarsi cannoni su cannoni cazzeggiando serenamente. Magari ogni tanto arriva una frecciatina a Trump o a qualche altra contingenza sociopolitica americana, ma sono sparute e occasionali deviazioni in una consolidata quotidianità costantemente annebbiata dal THC. 

Elephants on Acid è arrivato quindi un po’ come il proverbiale fulmine a ciel sereno, e inaspettatamente ci permette di riabbracciare la cricca originaria (le produzioni sono interamente firmate Muggs) in forma a tratti smagliante. È un disco dei Cypress Hill esattamente come te lo aspetti guardando la copertina: un agile pachiderma (21 pezzi con solo una traccia che supera i 4 minuti) abbondantemente stordito di cannabinoidi, un carroarmato di stoner rap sapidamente condito da un intingolo di spezie orientaleggianti e oscure. Abbondano i loop strinati, le cupe fanfare funeralesche, i sitar e i canti arabi, i bisbigli inquietanti e bradicardici rallentamenti fangosi. Non manca l’aneddottica colorita ad aggiungere colore al tutto, come le location di registrazione curiose (vedi la tomba egizia ai piedi delle piramidi) e un sapore di riuscito comeback da parte di un nome leggendario che sembrava aver da tempo esaurito idee e urgenza. 

Pure le strofe di B-Real e Sen Dog scorrono fresche e convincenti grazie a un flow con un ritrovato smalto. I temi affrontati non esulano praticamente mai dalla solita celebrazione delle gioie portate in dote da uno smodato consumo di Maria e da qualche insondabile delirio mistico, ma va benissimo così. Bentornati. 

2 Ottobre 2018
Leggi tutto
Precedente
Chic – It’s About Time
Successivo
Luca D’Alberto – Exile

album

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite