• Gen
    01
    1972

Classic

RCA

Add to Flipboard Magazine.

David Bowie è ormai riconosciuto come uno dei maggiori artisti “pop” degli ultimi 30 anni, o quantomeno come uno dei più influenti, così come è nota la sua versatilità in campo artistico, dal rock all’elettronica e all’avanguardia, dal cinema al teatro, al mimo e perfino alla pittura. Fautore di un’arte intesa come rappresentazione e finzione (le maschere che ha indossato nel corso della carriera, che gli sono valse l’appellativo, in verità estremamente riduttivo, di “camaleonte”), ma anche come fortissima ispirazione e necessità vitale (ai limiti della bulimia), Bowie – eccezion fatta per forti scivolate in territori puramente mainstream – ha saputo incarnare l’ideale dell’artista “totale”, in continua ricerca di una nuova forma. In quanto abile affabulatore e manipolatore dei media, può essere inoltre considerato un vero artista “pop”, nel senso warholiano del termine.

Questo è stato subito evidente quando, dopo alcuni anni di gavetta e lo sporadico successo del singolone Space Oddity, agli inizi degli anni ’70 le sue vicende artistiche si sono intrecciate col nascente fenomeno del glam rock. Di questa variopinta e breve stagione musicale Bowie, insieme all’amico-rivale Bolan e i suoi T-Rex e ai più sofisticati Roxy Music, è stato un autentico simbolo. Il segreto del suo fulminante successo va ricondotto all’aver saputo incarnare le istanze di un’intera generazione (i fratelli minori degli hippies, ai quali è rivolto l’inno glam “All the young dudes” portato al successo dai Mott the Hoople), proponendo al pubblico, sotto forma di concept album, una nuova saga mitologica: The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars.

Il protagonista di questa favola rock è l’alieno Ziggy, lo stereotipo (e la parodia) della rockstar secondo Bowie. La maschera ne incarna tutti i cliché, ispirati da figure famose come Jagger, Lou Reed, Hendrix (Ziggy è mancino), Bolan (ispiratore della ballata “Lady Stardust”), ma anche da figure sconosciute come Vince Taylor e The Legendary Stardust Cowboy, cruciali per la costruzione del personaggio. Taylor conobbe momenti di gloria in Francia come imitatore di Elvis agli inizi degli anni ’60; tornato in Inghilterra, cominciò a dare segni di squilibrio mentale, credendosi il Messia e dichiarando di essere in contatto con gli Ufo. Il Cowboy è un improbabile e sgangherato bluesman texano, da sempre un idolo di Bowie, che anche in tempi recenti lo ha omaggiato (“I took a trip on a Gemini Spaceship” da Heathen, 2002).

Ziggy Stardust è il personaggio glam per antonomasia: volutamente ambiguo, androgino, terribilmente kitch, parodistico ed eccessivo nei modi e nell’aspetto, con una visione decadente ed edonistica del mondo, ma anche fortemente romantica. E’ la rockstar definitiva, la parodia di un Messia (a leper Messiah), il cui mito salvifico di ascesa e caduta è raccontato nelle undici canzoni del disco. The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars (titolo preso in prestito dal concept Arthur dei Kinks), mescolando sci-fi e rock’n’roll narra di come in un mondo prossimo alla fine (Five Years) l’umanità sia redenta da un alieno (Starman), che diventa una rockstar (Star), ma è distrutto dal suo stesso successo (Rock and roll suicide). Registrato alla fine del 1971 dallo stesso team che quell’anno aveva realizzato il primo capolavoro di Bowie, Hunky Dory (la band guidata dalla chitarra graffiante di Mick Ronson, ribattezzata per l’occasione “The Spiders from Mars”, e il produttore Ken Scott), l’album è un concentrato di ballate e scatenati rock’n’roll (“to be played at the maximum volume”, raccomanda il retro di copertina), che dal vivo assumevano connotati quasi proto-punk (Velvet Underground, Stooges e Rolling Stones sono le influenze più accreditate del suono degli Spiders).

Il rock di Bowie è trasgressivo, talvolta sboccato, romantico e insieme decadente (non a caso John Lennon lo definirà in maniera piuttosto calzante “rock’n’roll col rossetto”). Le liriche riescono a essere poetiche e sfrontate in egual misura (basti pensare al bellissimo susseguirsi di immagini in Five Years, supportato in maniera molto suggestiva da un memorabile crescendo musicale). Al di là della musica in sé, The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars è in definitiva un mito sul rock, che crea leggende viventi destinate all’(auto)distruzione (Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison); ed è anche il mito su un’intera generazione di giovani, i young dudes, che non si riconoscono più nei vecchi ideali degli anni ’60 e vivono un’età dell’oro fatta di lustrini, paillettes, colori sgargianti, ambiguità sessuale e spensieratezza. Proprio in virtù di questo, David Bowie è diventato anch’egli una leggenda, indossando i colorati ed eccentrici panni dell’alter-ego Ziggy dall’inizio del 1972 fino alla sera del 3 luglio 1973, quando – con un inaspettato colpo di scena – annunciò dal palco dell’Hammersmith Odeon di Londra il ritiro dalle scene di Ziggy Stardust and the Spiders from Mars.

Così Bowie non soltanto racconta il mito del successo, ma lo vive in prima persona. Ziggy diventa un archetipo mitologico, che il suo creatore ha dato in pasto al mondo, innalzandolo fino alle stelle e gettandolo nella polvere, fino a “ucciderlo” simbolicamente e renderlo così immortale. Quest’ultimo atto della saga di Ziggy Stardust sarà indispensabile per il proseguimento delle escursioni musicali di David Bowie: liberatosi intelligentemente dall’ingombrante personaggio e gettate le basi per una duratura carriera, potrà avventurarsi laddove la sua ispirazione e i suoi stimoli artistici lo porteranno.

L’epopea dell’alieno androgino dalle gambe magrissime, dalle improbabili tutine e dai capelli color carota segna comunque un capitolo cruciale della parabola artistica di Bowie, così come resta un episodio singolare nella storia del rock, ma soprattutto un’esperienza unica impressa nei cuori e nelle menti dei fans di tutto il mondo.

1 Ottobre 2005
Leggi tutto
Precedente
Broken Spindles – Inside/Absent Broken Spindles – Inside/Absent
Successivo
Dan Curtis – Trilogy Of Terror Dan Curtis – Trilogy Of Terror

album

David Bowie

The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars

artista

Altre notizie suggerite